lunedì 27 luglio 2009

Costume galeotto

Non seguo il mondiale di nuoto, ma forse dovrei cominciare e, a parte Matthew, Ricky Berens, ventenne nuotatore statunitense, potrebbe essere un buon motivo. Specie quando l'ipertecnologico costume made in Italy "Jaked 01", che indossa durante le gare, si rompe rivelandone le grazie ragguardevoli.

E' quanto è successo giusto domenica mattina, quando il giovanotto, chinatosi per bere un sorso d'acqua prima della gara, ha sentito il fatidico straap. Naturalmente ha nuotato come se nulla fosse (chissà se qualcuno, nelle corsie accanto, si è distratto ^^): "Si strappano tutti", ha commentato Berens, "tutti abbiamo problemi coi costumi: sono strettissimi, per sfruttare al massimo la spinta".

2 commenti:

loran ha detto...

Però questi costumi che si rompono spesso saranno fastidiosi per i nuotatori ma non per chi li guarda.

Cla ha detto...

Quoto in toto.
E poi diciamoci la verità, molti di noi seguono i campionati di nuoto solo per rifarsi gli occhi ^__^