lunedì 29 giugno 2009

Gonfiarsi la capoccia

Sono rimasto molto sorpreso quando ho scoperto questa tecnica di modificazione corporea >>, consistente nel sottoporsi ad infiltrazioni di soluzione fisiologica allo scopo di ottenere delle deformazioni temporanee della testa, sotto forma di rigonfiamenti e protuberanze. L'idea è infatti semplicissima, anche se da non imitare: farsi fare una flebo di acqua e sale ed aspettare che il liquido, accumulatosi a sufficienza, ci gonfi la capoccia (o che altro). I più ardimentosi utilizzano liquidi colorati in modo che la pelle, artificialmente tesa, riveli per trasparenza un colorito inconsueto. Il risultato finale è quantomeno disturbante, tanto che ho messo solo le foto meno impressionanti (click >> NSFW)

Sembra che questa pratica estrema sia in voga da almeno una ventina d'anni ma che solo di recente sia diventata popolare tra i ragazzini di alcune città, tra cui Tokio, in cui i cultori di questo gioco, autodenominandosi delfini, si riuniscono periodicamente per dedicarsi a questo loro hobby. Ma sarà pericoloso? Pare di no, a condizione di usare materiale sterile e di affidarsi a professionisti, come il tizio tatuato della foto. L'unica raccomandazione è andarci piano con le infiltrazioni ai testicoli: praticarle spesso può portare ad una dilatazione permanente dello scroto.

3 commenti:

loran ha detto...

Non mi piace meglio quelli che si fanno mettere delle sfere di acciaio sotto pelle.

Anonimo ha detto...

Ma perchè qualcuno dovrebbe desiderare di andare in giro conciato così???

Anonimo ha detto...

ke skifo, fanno ridere, e pensare ke c'e'gente ke ha queste malformazioni per malattie e problemi vari e sta' gente se le va' a cercare, ke gente di merda