martedì 3 marzo 2009

Rinunce di Quaresima

A leggerlo non ci si crederebbe, eppure l'ha scritto Repubblica. Trascrivo col copia-incolla:

"La Quaresima anti-consumista e il digiuno non tradizionale, ecco le sorprese della Pasqua cattolica di quest'anno. Sono una mezza dozzina, ma tendono ogni giorno a crescere, le diocesi in cui i fedeli si sentono raccomandare dal pulpito l'astinenza non dalla carne, ma dal cellulare, dall'iPod, dalla tivù, dall'automobile, dall'acqua minerale. A Modena il vescovo Benito Cocchi, con l'appoggio di Azione cattolica e degli scout dell'Agesci, lancia il No-sms day: rinunciare ai "messaggini" tutti i venerdì di Quaresima."

Non è finita, sentite qui: "La diocesi di Trento propone addirittura un intero calendario liturgico di astinenze insolite, una per ogni domenica quaresimale: digiuno dall'auto, digiuno dal virtuale (niente Facebook, niente mp3), digiuno dallo spreco (non gettare cose riciclabili, niente cicche né chewing-gum per terra), digiuno dall'alcol e perfino "digiuno dall'egocentrismo". Per l'arcivescovo Luigi Bressan è il modo giusto di rispondere al richiamo del Papa al digiuno come "arma spirituale per lottare contro ogni attaccamento disordinato a noi stessi. Ognuno scelga una forma, accanto a quelle richieste dalla Chiesa".

Mi sembra di sognare: è questo il messaggio che deve elevare i fedeli?!? Rinunciare agli SMS perchè questo può equivalere al digiuno, così da affrancarsi da ogni "attaccamento disordinato a noi stessi"!? Non ho mai sentito niente di così ridicolo o di antistorico... Secondo me i ragazzini che fossero obbligati a rispettare il divieto attenderebbero con ansia la scadenza dell'interdetto per rifarsi del tempo perduto e spedire tutti quei messaggini che hanno composto solo mentalmente (alla faccia della rinuncia spiritualmente provvida). Mah.

5 commenti:

Lavega ha detto...

a molti però un digiuno dagli sms farebbe soltanto bene
e tra questi molti ci sono tanti portafogli :D
certo, la religione ha poco a che fare con un digiuno del genere, è solo un modo per mostrare il loro potere facendo vedere che loro possono privarti di qualcosa

loran ha detto...

Veramente incredibile forse lo dicono perchè la gente spenda di meno e abbia una falsa impressione di benessere, e non si accorga dell'immensa mole di soldi che il Vaticano si fa dare dallo Stato Italiano.

Anonimo ha detto...

ho fatto l'animatrice e vedere ragazzini che passano TUTTO il loro tempo a scrivere sms lo trovavo snervante, accorgermi che non riuscivano a fare nient'altro se non avevano anche il cell in mano "nel caso qualcuno scrivesse" inconcepibile.
Un giorno di astinenza forse non cambia nulla, forse però qualcuno si potrebbe accorgere di riuscire a soppravvivere ugualmente!

Roberta

Anonimo ha detto...

Trovo il primo commento piuttosto gratuito. Digiunare e "staccare la spina" dalle cose materiali, per dedicare attenzione a quelle spirituali, era cosa raccomandata da tale Gesù di Nazareth, il quale diede l'esempio passando 40 giorni nel deserto. Non credo che l'abbia fatto per accrescere il suo potere.

Velies Thyrrens ha detto...

Capisco le vostre giuste obiezioni. Il senso del post non era quello di criticare chi sceglie di seguire un certo esempio, ma di sottolineare la... "stranezza" di certe rinunce. E, forse, la loro scarsa "effettività" nei confronti di alcuni.