venerdì 13 aprile 2007

Sirenetti

Sarà che in questi giorni non sono dell'umore adatto per apprezzare questo genere di cose (e altre), ma il ventunenne Leandro Ghidini, il nuovo tato del mese di aprile, non mi sembra davvero un granchè. M., che lavora a dieci metri da me, che vedo sempre in compagnia di ragazzi e col quale non riesco mai a scambiare più di qualche parola, mi attrae molto di più. Chissà se mi legge...

4 commenti:

cristiana ha detto...

Ciao velies...ho visto che hai riportato il mio intervento sul tuo blog...Il mio di blog te lo linko qui sotto...è necessario che parliamo agli "altri"...hai centrato in pieno l'obiettivo politico....
Vieni a trovarmi sul blog e complimenti per il tuo....un pò troppi strafighi...ma bello! ;o)

Doug ha detto...

Mi spiace per il tuo umore, Vel! Anche perché questo Leandro brutto non pare... Ti auguro che M. ti legga qui e magari che le parole scambiate con lui possano aumentare di quantità e qualità!

Velies ha detto...

hmpf--- sto ancora piuttosto sul disastrato andante (ed infatti anche il blog ne risente, essendo fermo da qualche giorno): M. solleverebbe molto il mio umore

baol ha detto...

Conosco parecchi "M" pure io; non so se 'vanno' con uomini o donne, ma sono irraggiungibili, e forse è meglio così. Se un M facesse irruzione nella mia vita -come qualunque M nella vita di qualunque "accoppiato"- farebbe solo disastri; e poi magari mi lascerebbe solo delusione e rimorso...
Ah, che dolce-amara stagione la primavera, quando i maschietti cominciano a spogliarsi e a momenti non li si può neanche guardare senza provocare un microsisma dal cuore in giù...