mercoledì 28 febbraio 2007

La Bamba di Yehuda Levi

Bamba è lo snack più popolare in Israele, dove viene venduto addirittura dal 1963: fatto di mais soffiato ricoperto di burro di noccioline (ma è disponibile anche al gusto fragola), viene considerata una merendina sana e nutriente, in quando priva di colesterolo, conservanti o coloranti. In effetti ha solo 537 calorie per 100 grammi (quasi come due piatti di pasta).


Il target del prodotto sono i bambini dai 6 ai 12 anni, i post adolescenti e le madri dei bambini in età scolare. Forse è per loro che è specificamente pensata questa pubblicità interpretata da Yehuda *supersex* Levi, che a giudicare dal fisico da paura, di Bamba ne mangia ben poco.

Il buon Mr. Levi è da un po' uno dei miei preferiti: lo avevamo notato in Yossi & Jagger, e qualcuno (forse) lo avrà visto nel suo cameo lungo 90 secondi in Munich (?!). Bello e talentuoso, il giovane Yehuda è anche un gran furbone perchè sa come far parlare di sè.

Non fa mistero di quanto guadagna, è sfrontato (pare che apostrofi continuamente i suoi interlocutori con l'appellativo di neshama, "tesoro") e vanitoso ("Il fatto che io abbia qualcosa tra le gambe non implica che non debba prendermi cura della mia immagine!"): un perfetto dandy metrosessuale che sa come farsi desiderare. Io, infatti, lo desidero.

8 commenti:

fili ha detto...

anche io ^^

ConsorzioManzetti ha detto...

io quando lo vedo sto male... :(

Esperimento ha detto...

Ma... è gay anche lui?

Velies ha detto...

Che io sappia, no. Però, per sua stessa ammissione (*), il ruolo del soldato omosessuale in Yossi & Jagger ha dato una grossa spinta alla sua carriera, rendendo Yehuda anche più desiderabile, e da allora credo che lui si diverta a fare... come dire... un po' la figa.

(*) vedetevi l'intervista nel dvd di yossi&jagger

Noodles ha detto...

Ma Velies, il tuo è il blog delle meraviglie: ho seguito il bianconiglio e sono arrivata ad una clip di cui ignoravo l'esistenza...

Caspita.

Non avendo mai visto "Yossi & Jagger", non è il caso che trascriva le mie impressioni su quel poco che è visionabile qui -- anche se devo ammettere che il ballettino in mimetica è un po' troppo per me (del resto non mi era piaciuto nemmeno quello del Gyllenhaal desnudo in "Jarhead", non avevo speranze di capire e apprezzare questo).

Però mi stanno ancora scoppiando cuoricini sulla testa per tutta la scena di coccole e bacetti sulla neve, e per quello sguardo azzurro che il tipo (quello carino) rivolge distrattamente al leprotto mentre l'altro continua ad affaccendarsi sopra.

Lo guardo un'ultima volta e poi chiudo, promesso.

Velies ha detto...

Devi vederlo, Yossi&Jagger, anche se è un film sopravvalutato ed imperfetto. Il balletto in mimetica è una specie di provocazione, e ha una.. "risoluzione" nel finale, quando uno dei protagonisti lo rammenta.
Un film più freddo di quello che si può pensare ma che non ti dispiacerà vedere, a patto che tu non ti aspetti un capolavoro: l'eco smisurata che ha avuto, secondo me, è dipesa dal tema trattato e dall'avvenenza di UNO dei protagonisti (l'altro, per opinione comune, è un cesso)

Doug ha detto...

"Neshama": da oggi lo dirò anch'io! :-) Veramente un gran pezzo di gnocco questo Yehuda. Notevole!

Noodles ha detto...

Concordo.

Da un paio di giorni il mio J.G. non ha più una directory tutta per sé (chissà come l’avrà presa): ho salvato lì le bellissime immagini di questo semi-sconosciuto presentatoci da Vel (mi piacciono i personaggi defilati, e Gyllenhaal si sta rapidamente involando verso una fastidiosa notorietà).

Belilli ambedue, comunque: se fossi una tredicenne appiccicherei al soffitto tante fosforescenti stelline (di David) in onore di entrambi.