lunedì 2 ottobre 2006

Modelli

In un lungo blob dedicato a Cristiano Malgioglio andato in onda in questi giorni il noto cantautore veniva mostrato in modo ancora più macchiettistico e grottesco del solito, il che è tutto dire.

Per i gay non pare dunque esservi alcuna speranza di "normalità"; non tanto perchè Malgioglio sia un freak o un personaggio necessariamente negativo, quanto perchè, evidentemente, le persone "normali" in televisione non "vendono" e perciò non vengono rappresentate.

E' colpa del Circo mediatico, nel quale non possono trovare posto che i fenomeni da baraccone, o di noi omosessuali che, stando ad alcuni, non ci esponiamo abbastanza lasciando il campo a quelli che amano mostrarsi provocatoriamente, pur non essendo un campione sufficientemente rappresentativo?

Ma prima ancora, dato che mi rifiuto di credere che la discriminazione dipenda anche da un concorso di colpa dei gay, quanta voglia hanno veramente le persone di stare a sentire gli omosessuali "normali"?


3 commenti:

Lateo ha detto...

Credo che la gente non abbia più voglia di stare a sentire e basta, non fà altro che assistere passivamente a programmi per non pensanti.

Freddy ha detto...

Secondo un certo tipo di mentalità diffusa, il "diverso" può essere mostrato solo se è il più possibile lontano dalla cosiddetta "normalità", proprio perchè la distinzione sia bene evidente: ciò non toglie che qualcuno ci marci sopra e ne faccia una maschera per vendersi meglio (e, secondo me, a volte fa più danno che altro).

Velies ha detto...

Concordo in pieno con quello che dici, freddie!