martedì 8 ottobre 2013

Corridoio vagina

Corridoio vagina, installazione artistica di una giovane sudafricana Reshma Chhiba che non a caso l'ha fatta collocare in una ex prigione femminile del suo Paese come forma di protesta contro la segregazione delle donne. La piece, nelle intenzioni di colei che l'ha creata, non vuole essere affatto una provocazione quanto piuttosto un modo per liberarsi del tabù che circonda i genitali femminili "Percorrendola dopo essersi tolti le scarpe la rende uno spazio sacro, divino". A me comunque fa un po' impressione lo stesso. (fonte >>)

Nessun commento: