martedì 3 settembre 2013

Logica inoppugnabile

Du' foto fatte da due ragazzini sono in grado di mettere in discussione praticamente tutto l'impianto di MENZOGNE che gli omofobi utilizzano per autoassolversi. Questi due ragazzi sono figli degli stessi genitori (anzi, sono gemelli!): uno dei due è gay e l'altro no. Succede. Evidentemente l'ostentazione dell'eterosessualità da parte dei loro genitori non è stata sufficiente per determinare l'orientamento sessuale di uno di essi. Per estensione, è chiaro che il contrario (due genitori gay) sarebbe ugualmente inidoneo a far diventare omosessuale qualcuno. 

La necessità di garantire a tutti i medesimi diritti matrimoniali (almeno secondo il diritto civile) dovrebbe essere il livello zero della civiltà e non dovrebbe neppure essere oggetto di discussione: l'uguaglianza tra le persone non esiste, e non esisterà mai, se non di fronte ai medesimi diritti, e l'insopportabile ingiustizia è ancora più evidente considerando la situazione dei due gemelli, uguali in tutto tranne che in aspetti determinanti che comporteranno, per uno di essi, un'esistenza provvista di minori tutele. Scusate se è poco. 

Volete ritwittare l'immagine (che io ho arbitrariamente sottotitolato)? Magari a qualcuno gli viene qualche dubbio...

1 commento:

Loran ha detto...

Più che in discussione fanno proprio crollare tutto quel castello di menzogne spacciate per verità razionali dagli omofobi cattolici con tanti giri di parole e discorsi.
Alla verità servono poche parole.