mercoledì 12 giugno 2013

Guida per genitori (in che mani siamo?!)


Una delle più feroci critiche al "sistema Internet" (che, personalmente, condivido) consiste nel fatto di dare al primo idiota provvisto di uno smartphone l'occasione di salire in cattedra e di sminuire il lavoro di persone esperte e preparate, sputando sentenze su cose di cui il suddetto idiota non aveva mai neanche sentito parlare fino a dieci secondi prima. Mi guardo bene dal criticare il libro del quale, poco fa, ho scattato queste foto: non ne ho le capacità né gli strumenti, mi limito a esprimere il mio sincero sgomento per quello che leggo. 


Non so se mi fa più incazzare il "tranquillizzatevi" o la solita solfa del "outing". Delle "scelte soggettive" non parlo neanche. E comunque, questo libretto che tra l'altro è uscito quest'anno per un editore mainstream, è indirizzato ai genitori e vorrebbe fornire loro una guida per rispondere alle domande "imbarazzanti" dei figli. Riesce nell'intento? Forse sul resto degli argomenti: quanto ad omosessualità mi permetto di esprimere dei dubbi.

3 commenti:

Loran ha detto...

Visto che dovrebbe essere un libro di argomento pseudo-scientifico trovo sbagliata solo la seconda affermazione perchè chiaramente è un opinione personale dello scrittore e nella scianza le opinioni personali non hanno valore.
Con la prima anche se non mi piace mi sento di essere più indulgente,sia in tempi passati come oggi l'essere genitori porta sempre un carico di paure di commettere errori nell'educazione dei figli quindi almeno nei primi anni rassicuriamoli un po'.
Certo bisognerebbe sapere come il libro affronta l'attrazione sessuale tra gli adolescenti dello stesso sesso e se ne da dei giudizi morali.

Velies Thyrrens ha detto...

è questo il bello, Loran: NON LO AFFRONTA. Mi rendo conto di aver tralasciato questa informazione determinante, ma il fatto è che in questo libretto l'argomento è trattato solo in 3 pagine (indice analitico canta) e solo di sfuggita, praticamente nei termini che vedete sopra.

Watkin ha detto...

Ma che vuol dire "si può essere omosessuali per raggiungere un obiettivo ma non per scelta personale"?