martedì 12 marzo 2013

Italia peggio dell'Ecuador

Il sig. Nelson Zavala è stato candidato alle elezioni del Presidente della Repubblica dell'Ecuador, tenutesi lo scorso febbraio. Nel corso della campagna elettorale ha detto che i gay sono dei peccatori, che sono persone gravemente deviate, che consentire il matrimonio tra persone dello stesso sesso distrugge la "vera" famiglia ecuadoriana ed altre piacevolezze. Roba da giardino d'infanzia, se paragonata alle perle di saggezza dispensate quotidianamente dai nostri buoni Giovanardi e Binetti, che sono professionisti dell'odio. Con una differenza di non poco conto: che Zavala, per queste sue belle uscite, si è beccato una condanna ad una pena pecuniaria e alla sospensione per un anno dei diritti politici, inflittagli in questi giorni dal Giudice Patricia Baca Mancheno per violazione del codice elettorale che proibisce ai candidati di usare espressioni che discriminano le persone o che offendono la loro dignità e di usare simboli, espressioni o allusioni di natura religiosa (fonte >>). Il che significa che quanto a civiltà e rispetto siamo dietro perfino all'America Latina.  Che schifo. Ricordate questo video?

4 commenti:

pepito ha detto...

"perfino" all'america latina non l'ho capita.

vivo da 10 giorni a buenos aires (ci sono nato 28 anni fa) perché l'italia sta andando a rotoli.

pablo

Velies Thyrrens ha detto...

Hmmm... ho scritto una cazzata|!!! Sorry :(
Volevo dire che, quando si parla di paesi all'avanguardia nei diritti civili, di solito si pensa al nord europa, ai soliti Svezia, Finlandia... l'America latina non è quella che viene in mente per prima. Tutto qui

A. Oscar Carini Coop ha detto...

vedi, che paesi civili!!!
pablo, che cazzo fai??

Velies Thyrrens ha detto...

ehm.. I beg your pardon? Chi è Pablo?! ^^'