giovedì 21 giugno 2012

Il museo dei vibratori antichi

Il museo dei vibratori antichi ha sede a San Francisco e nasce da una collezione privata, quella di Joani Blank che nel corso degli anni ha raccolto i curiosi ordigni risalenti ad un periodo compreso tra il 1800 e la fine degli anni settanta. 

Le foto sono sorprendenti. Ho scelto quelle che mi colpivano di più, ma sul sito del museo >> ce ne sono molte altre. Notate la pubblicità "ingannevole" che li proponeva come strumenti per massaggi curativi dell'isteria femminile.

Questo che sembra un'ASPIRAPOLVERE quasi quasi me lo compro! :)

3 commenti:

byb ha detto...

non è pubblicità ingannevole, per moltissimi decenni (forse più di un secolo) la medicina occidentale era convinta l'orgasmo fosse l'unico cura per l'isteria. molte donne (già durente l'epoca vittoriana) furono convinte, spinte o addirittura obbligate a usare un vibratore per motivi terapeutici.
e in alcuni casi, il costo dell'apparecchio era a carico dello stato perché la terapia era riconosciuta ufficialmente.

sorprendentemente credo sia stata la rivoluzione sessuale e le femministe negli anni '60 a far abbandonare questa teoria.

Amleto ha detto...

Non la sapevo questa cosa! Grazie byb!
Hai capito che terapie...
Ciao ^_^

loran ha detto...

Quello a manovella è straordinario.