mercoledì 9 novembre 2011

74 frustate per una palpata

I giocatori di calcio iraniani devono prestare particolare attenzione ai contatti in campo. I momenti di sano omoerotismo che consideriamo tanto sexy da quelle parti sono infatti visti come espressione di dissolutezza e possono portare a condanne anche molto gravi. E' il caso di Mohammad Nosrati e Sheys Rezaei, due calciatori in forza al Persepolis che, beccati in piena palpata (anche il molestato non sembra gradire), dopo essere stati sospesi e pesantemente multati, rischiano adesso fino a due mesi di carcere e 74 frustate con una canna di bambù (!). Jalal Yahyazadeh, un membro del parlamento, ha condannato senza giri di parole il comportamento immorale: "questo atto vergognoso ha turbato, fatto arrabbiare ed indignato gli sportivi iraniani. E' una cosa assolutamente inaccettabile e orrenda". La sanzione fisica è stata prospettata da un insigne giurista, il giudice Valiollah Hosseiny, che ha ricordato come la pena per atti contro la morale pubblica consista proprio nella prigione e nella fustigazione in pubblica piazza. Anche se è ben difficile che la sanzione venga effettivamente comminata, i due calciatori se la sono vista piuttosto brutta e non è mancato chi ha chiesto la totale radiazione dalla federazione calcistica. (fonte >> e fonte >>)

1 commento:

shamrock87 ha detto...

tristemente triste.