sabato 21 maggio 2011

La festa della circoncisione

Qualche giorno fa a Marikina, nelle Filippine, centinaia di ragazzini si sono messi in coda per essere circoncisi.

Le autorità cittadine infatti, oltre ad aver offerto gratuitamente un servizio che nelle aree rurali viene prestato da "chirurghi" improvvisati e con mezzi del tutto di fortuna, speravano di ottenere un riconoscimento dal Guinness World Record per la più grande circoncisione di massa e a questo scopo hanno predisposto un'accuratissima registrazione di ogni momento dell'evento.

Un portavoce del Guinness dei primati, tuttavia, ha chiaramente precisato che l'organizzazione non intende essere in nessun modo messa in relazione ad eventi del genere e che ogni richiesta di riconoscere un simile record verrà fermamente respinta. A vederli così, anche i ragazzini non sembrano tanto contenti. Fonte >>

2 commenti:

loran ha detto...

Certo manifestazioni del genere fanno un po' impressione però in certi paesi meglio questo che i "dottori" dei villaggi che spesso causano danni irreparabili.

gaetanofasulo ha detto...

Anch'io che sono italianissimo ( mia moglie è filippina ) sono tulè ( non sono supot! ) .... beh ma è normale che quando uno si fa circoncidere .... un po' di dolore è normalissimo .... Non è che i ragazzini che diventano tulè non siano entusiasmati; chiaro che si preoccupano un tantino dato che diventare tulè è doloroso!!!!