mercoledì 30 giugno 2010

Il vangelo secondo Fernando

Alle volte noi gay dimostriamo di sapere esattamente quali tasti toccare per farci ben volere... E' il caso dell'artista Fernando Bayona, che ha messo in scena una rappresentazione alternativa della vita di Gesù Cristo e ne ha realizzato una discutibile serie chiamata Circus Christi >> (!). Le fotografie. che sono ben congegnate e a modo loro piuttosto intelligenti, riproducono scene ben note dell'iconografica cristiana, "ultima cena" e "bacio di giuda (gay)" comprese. C'è anche una "rilettura" della crocifissione. Sarà che io da piccolo ho fatto troppo catechismo, ma una parte di me non può non ritenerle blasfeme o comunque di cattivo gusto. Voi che dite?

martedì 29 giugno 2010

Gesù nel tubo di scarico

Dopo essersi manifestato in UN SACCO di posti strani, il Salvatore si è stavolta appalesato sul tubo di scarico del giardino di una simpatica signora trentottenne, Alex Cotton (fonte >>). La donna, infermiera a Coventry (GB), ha individuato la miracolosa immagine mentre rincasava in compagnia di amici. "Alcuni la vedono immediatamente, altri no. Credo sia un problema di fede", ha dichiarato Alex. "Si tratta chiaramente di Lui: ha la barba, la corona di spine. Non potrebbe essere nessun altro (...) Solo Dio sa perchè ha scelto di apparire nel mio tubo di scarico". Sagge parole. Del resto, Nostro Signore si è già mostrato nei seguenti posti: nella piadina, nel grasso di pancetta bruciato, nel Kit Kat, all'IKEA (anche se qui l'apparizione è controversa, dato che alcuni ritengono si sia trattato di Gandalf il Grigio), sotto la carta da parati. Senza contare tutti i modi altrettanto inconsulti in cui è apparsa la Madonna... Forse dovrei fare un'apposita rubrica dedicata alle visioni mistiche.

Novak si straccia le vesti

Il simpatico tennista serbo Novak Djokovic regala sempre qualche sorpresa, come questo buffo stracciamento di vesti: non in senso figurato ma reale.

Non credevo che potesse rendersi più affascinante e sexy di come mi era apparso in precedenza. Invece sbagliavo: persino questo siparietto non sembra affatto ispirato dall'arroganza o dalla presunzione.

Amo questo ragazzo (ingrandimento).

lunedì 28 giugno 2010

Sushi umano

Sushi umano, ideato e realizzato dall'artista olandese Boris Hoppek che espone i suoi lavori alla Diesel Denim Gallery di Tokio a partire dal prossimo 12 luglio (clic >>). Se considerate che a me già il sushi piace poco così, potete immaginare quanto mi attiri l'idea di metterci sopra una tizia viva e seminuda :) Sarebbe lo stesso con un ragazzo: i nipponici, salvo rarissime eccezioni, non incontrano i miei gusti ^^

Brani da riscoprire

Una donna avanti negli anni, quasi tutti dimenticati, con la sacra curiosità di chi si è spogliata solo per sè

Una frase messa insieme con intelligenza e l'attenzione dell'ascoltatore è assicurata. Recupero nella mia ancestrale memoria televisiva il ricordo di un brano di una cantante italiana che ha fatto da sigla di chiusura di un modestissimo programma condotto dalla cantante medesima. Volevo provarmi a scrivere quattro righe di raccontino, assumendo il punto di vista della protagonista, ma lo scarso tempo disponibile me lo ha impedito. Il brano è sorprendente e a modo suo piuttosto crudo: se lo aveva scritto Elton John si era tutti qui a gridare al capolavoro.

Lo ripesco negli oscuri recessi della Rete, dalla quale nulla si cela e nulla si distrugge ma tutto si trasforma: ascoltatelo senza pregiudizi, potremmo scoprire che non è tutto pattume quello che olezza.

domenica 27 giugno 2010

L'uomo cavallo

Un misterioso "uomo cavallo" (!?) è stato immortalato dalle telecamere di Googlemap mentre passeggiava in una strada periferica di Aberdeen, Scozia. Questo tizio, come vedete, indossa un giubbino viola, normalissimi jeans e una MASCHERA DA CAVALLO (!) e a quanto pare se ne andava bel bello mostrando il suo bel completino come se nulla fosse. La bizzarra apparizione, naturalmente, ha causato una certa curiosità in Rete ma l'identità del misterioso personaggio non è stata rivelata (clic >>): eppure non è una visione, c'era davvero tanto che il sig. Google l'ha fotografato nei dintorni di "16 Hardgate, Aberdeen, Scotland, United Kingdom". Fate la prova voi stessi. Roba da pazzi.

giovedì 24 giugno 2010

Trenta chili sui testicoli

Cosa succede se qualcuno vi fa piombare dall'alto un grosso peso sugli zebedei? Scopritelo in questo istruttivo video! (come andava a finire io però un po' me lo ero già immaginato...)

Cadeverico Sean

Sean *JackMacFarland* Hayes, il pirotecnico amico di Will Truman nella nota sitcom Will&Grace, in un paio di scatti risalenti ad appena due giorni fa.

Sean, autore di un controverso coming out, a me è sempre piaciuto. Però in queste foto sembra un cadavere :(

Gara di solletico

Questi due ragazzini fanno una gara di solletico tra di loro e, non paghi, decidono di riprenderla e condividerla tramite Youtube. Qualcuno dice che vedo frocio dappertutto (può essere), ma questi due o si giacciono tra di loro o la MOSTRUOSA tensione omoerotica che manifestano finirà per ucciderli.

mercoledì 23 giugno 2010

Festeggiamenti tra calciatori

Non riesco ad immaginare un modo migliore di festeggiare un goal che allungare le mani sui compagni di squadra. Non ditemi che è stato un gesto casuale perchè non ci credo.

lunedì 21 giugno 2010

Ciao Rob

Da un po' di tempo il buon Robbie Williams non compariva su questi schermi: eppure, nonostante non corrisponda esattamente a quello che considero il mio canone aureo di bellezza, a me è sempre piaciuto. Tanto per dire, questa foto la trovo bellissima (ingrandimento).

A trentasei anni compiuti Rob appare ancora in ottima forma. E' anche molto più carino del suo collega Gary Barlow (1971 - vivente), ritratto qui insieme a lui in occasione di una partita di calcio per beneficienza (clic).

Rob, tuttavia, mi si è un po' appesantito.

Slogan fallaci

Slogan dei contenitori per alimenti WOW >>, secondo cui "Every top is a bottom". A me non risulta.

domenica 20 giugno 2010

Canta che ti passa

La migliore band di tutti i tempi: gli "STR*NZI DELLO SCONFORTO" (lo so, lo so: è una traduzione libera, ma il senso è quello): nata come cover band di Alan Parson Project, il gruppo ha anche prodotto canzoni originali che, pare, hanno anche riscosso un certo successo nel corso dei primi anni ottanta. Purtroppo però, come ogni bel gioco, gli Str*nzi sono durati poco: sei spettacoli soltanto. (clic >> e clic >>) Sic transit gloria mundi...

Mutande villose

Indumenti intimi "decorati" con peli pubici stampati, disponibili in versione uomo e donna e perfetti per chi, dopo la depilazione, abbia cambiato idea. Sono una creazione delle due designer svedesi Katriina Haikala e Vilma Metteri che operano tramite il sito "Nutty Tarts >>", che significa all'incirca mignotte svitate. Le mutande villose, infatti, paiono abbastanza discutibili: i genitali femminili non mi piacciono su chi ne dispone di suo, figuriamoci se me metto per me... (cit.)

sabato 19 giugno 2010

Riapre IKEA in Texas

Curioso spot per la riapertura di negozi IKEA in Texas, avvenuta proprio il 9 di giugno. Sembra che sia stato censurato.

venerdì 18 giugno 2010

Idiozie comunitarie

Se ho capito bene, l'Unione europea intenderebbe imporre l'avvertenza "può favorire l'obesità" sulle etichette della Nutella e di prodotti analoghi (con conseguenti divieto di pubblicità) Che la cosa possa essere ovvia non viene in mente a nessuno; in ogni caso, io sono favorevole al discusso disclaimer. Però voglio anche SOLLEVARE LA TAVOLETTA PRIMA DI ORINARE sui WC pubblici e, soprattutto, L'INALAZIONE INCONTROLLATA PUO' AVERE DECORSO FATALE sulle etichette delle bottiglie d'acqua minerale.

giovedì 17 giugno 2010

Palle fresche

Fresh balls, lozione rinfrescante per scroto, aiuta a risolvere il problema dell'eccessiva sudorazione delle parti intime maschili. "Sono qui per parlarvi di un problema che dieci uomini su dieci hanno ma che, interrogati direttamente, negheranno di avere: sono imbarazzati, pensano di essere meno uomini. Con loro stessi e con le loro donne. E' un problema di cui soffrono quotidianamente e che la scienza medica ha finora ignorato. Le palle sudate" Questo un pezzetto dello spiritoso video pubblicitario in cui il protagonista precisa simpaticamente che, dopo l'uso del miracoloso prodotto, "la vostra donna vi amerà di più. O il vostro uomo." Vi raccomando di dare un'occhiata al sito >> Le testimonianze lasciate da alcuni acquirenti sono impagabili (e sorprendentemente trash). Non voglio scendere in dettagli troppo personali, ma per quanto mi riguarda mi sento tranquillamente di impiegare in altro modo i 15 dollari del prezzo.

martedì 15 giugno 2010

Narciso

Per piacersi, si piace. Come dargli torto (vabbè, dai: prometto che per un po'non metto più sue foto, ok?)

Calciatori: Benny Feilhaber

Questo ragazzo ha folgorato la Rete: poco dopo la partita che lo ha visto protagonista (Inghilterra - USA, squadra per la quale gioca), la sua foto si è diffusa in un baleno, suscitando, io credo, molto desiderio. Si tratta del venticinquenne Benny Feilhaber (qui la foto intera), nato in Brasile da madre brasiliana e padre austriaco/brasiliano. Perfetto. E poi uno si domanda se Dio c'è: ovvio. Altrimenti uno così come usciva?!? Per caso?!

Qui sopra mentre si diverte a fare il ca**one mimando una canzoncina abbastanza infame. Il giovanotto è bellissimo, ma cinque minuti di video non si reggono. Anche se vi consiglio di darci una rapida occhiata.

lunedì 14 giugno 2010

I sirenetti e l'omicidio al tempo di Internet

Stando a quanto si legge in Rete >>, lo scorso 15 maggio una certa Amanda Logue, pornoattrice e prostituta, con la complicità del f*ckbuddy Jason Andrews, avrebbe accoltellato e ucciso a martellate il quarantunenne Dennis Abrahamsen, proprietario di uno studio di tatuaggio e piercing, nella cui casa si era appena svolto un festino.

Un fatto di cronaca come tanti altri, in effetti, che segnalo qui per due elementi un po' bizzarri. Il primo è che i due hanno pensato bene di concordare i dettagli dell'operazione comunicando via SMS (!) che si sono scambiati fino a pochissimi minuti prima dell'omicidio e che sono ora debitamente documentati in Rete >>.

L'altro è che il tizio, quel Jason Andrews (1983 - ) che a tutt'oggi è latitante ed indicato come "armato e pericoloso" dalla polizia >>, è in effetti un volto tutt'altro che sconosciuto tra gli uomini che amano gli uomini: Jason, infatti, tempo fa si è fatto riprendere da un noto sito di filmini per adulti mentre, con il nome d'arte di "Addison", dava spettacolo delle sue grazie, peraltro non trascurabili (clic >>) Qualcuno che, in seguito, lo ha conosciuto fuori del set lo ha descritto come "un diavolo" e gli ha attribuito la responsabilità di aver attratto la povera Amanda in una serie di cose losche (clic >>) L'idea che ad aver fatto palpitare i cuori (...) di alcuni di noi sia stato un uomo rivelatosi poi un partito tanto pessimo fa un po' senso. E comunque, Andrews è versatile e ha dei begli occhioni blu: al gabbio farà un successone.

domenica 13 giugno 2010

Calciatori in secondo piano

Mai far entrare una telecamera negli spogliatoi di una squadra di calcio: anche se il servizio televisivo è incentrato su qualcosa d'altro, ci sarà sempre qualcuno (non io) che scorre le riprese fotogramma per fotogramma per vedere cosa c'è in secondo piano. Si dice che in lontananza si veda Lukas Podolski, il molestatore di Mario Gomez. (qui un trittico)

La caduta degli dei

Un noto cabarettista italiano di cui non faccio il nome (perchè come ben sanno tutti i blogger, i divetti sono suscettibilissimi e hanno la "lettera di contestazione" facile) è oggetto in questi giorni di un forsennato "tiro al piccione" mediatico. Lo si accusa di aver riprodotto 1:1 il repertorio dei suoi colleghi d'oltreoceano e gli si rimprovera di averlo fatto senza aver citato le fonti, cosicché chi lo ascoltava, dal vivo o in DVD - e comunque dopo aver pagato del denaro -, si faceva l'idea di avere a che fare con un personaggio dall'intelligenza finissima e non invece con un mero ripetitore di parole altrui. O almeno di una certa percentuale delle stesse, che qualcuno ha stimato intorno al 30% (!) La veemenza di queste accuse mi ha sorpreso, così come mi ha lasciato letteralmente senza parole il filmato che, con precisione chirurgica, dimostra oltre ogni possibile dubbio che la copiatura c'è stata eccome. Alcuni osservano, a mio avviso giustamente, "chi è senza peccato scagli la prima pietra", che di questi tempi la copiatura è all'ordine del giorno e che non si può chiedere ai propri idoli di essere migliori di noi stessi. Vero. Tralasciamo anche la questione se sia lecito o meno percepire compensi grazie a ciò che non è farina del proprio sacco; tuttavia quello che colpisce e che disturba è l'ipocrisia di questa persona che, in passato, ha difeso ciò che appariva essere frutto della sua creatività contro chi asseritamente se ne era appropriato (tacciando in modo stizzito gli altri di plagio) e soprattutto, la sorprendente arroganza con cui, in questi giorni, sta sostenendo una posizione che a mio avviso è indifendibile. Peccato: un altro che predica bene e razzola male.

Baby Evandro

Una vecchia foto del mio favorito Evandro Soldati (che è nato nel 1985 e quindi niente che lo riguarda può essere classificato come "vecchio") Non ho mai visto un ragazzo con tratti così delicati ed insieme virili: foto come questa sono la conferma che la cosa di gran lunga più attraente in una persona è il viso e l'espressione. Poi mi venite a dire che ho una fissazione senile. Per forza!

sabato 12 giugno 2010

Il Bambin Gesù sotto la carta da parati

Davanti agli occhi sbigottiti degli anziani coniugi Woolhouse una chiara immagine del Bambin Gesù è apparsa sotto la vecchia carta da parati. Le vecchie case sono piene di cose misteriose. La 63enne Sheila, che vive insieme al marito in Cornovaglia, ha dichiarato: abbiamo abitato qui 23 anni e non abbiamo mai immaginato una cosa del genere... e' impressionante, è proprio il bambin Gesù. Il fatto che sembri un bambino fasciato ha certamente delle connotazioni religiose. (fonte >>) Roba da circo. A me più che altro mi sembra un BIRILLO; e comunque vi informo che giusto ieri ho visto una cacca di cane con le sembianze del Mahatma Ghandi.

giovedì 10 giugno 2010

Vendesi latte materno

Questa giunonica signora, la ventiseienne Toni Ebdon di Exeter (Devon), località a sudovest di Londra disponeva di così tanto latte dopo il parto che, spronata da un amico, ha deciso di metterlo in vendita su Internet, riscuotendo un certo successo. Chi lo compra? Altre madri che non possono allattare al seno e a cui comunque non piace l'idea del latte artificiale? No. Esclusivamente gli uomini, che lo acquistano per le sue proprietà antibiotiche e per le molte proprietà curative. Toni è stata lasciata dal compagno che non può sostenerla dal punto di vista finanziario, così la donna ha candidamente dichiarato "Continuerò a farlo finchè ce n'è e se avessi un secondo figlio lo farei di nuovo". Poi ha pragmaticamente aggiunto "ma la prossima volta credo che userò una pompa elettrica, è molto più veloce". Come togliere quel minimo di poesia ad una cosa bizzarra di per sè. (fonte >>)

mercoledì 9 giugno 2010

Tommaso su Davide

Venti e passa anni fa, ai tempi di Risky Business, Tom Cruise mi piaceva un sacco. Ora, per una serie di motivi non legati solo all'età, sono del tutto immune dal suo fascino. Riporto però una sua curiosa dichiarazione di apprezzamento per David Beckham che certo non giova alla fama di omaccione di Tom, più volte messa in discussione.

Ammiro davvero David Beckham come persona, padre, marito ed atleta. E' assolutamente fantastico. Ha un grande spirito di competizione ed è un lavoratore instancabile, con una mente limpida e un corpo solido.

Come dargli torto, del resto: Beckham ha sempre fatto parecchio sangue anche a me.

Bellezze inventate

Donna giraffa tailandese: gli anelli d'ottone, pesanti svariati chili, determinano l'abbassamento della cassa toracica e solo in parte l'allungamento del collo. Vengono indossati a partire dai cinque anni e aumentati un po' alla volta.

Le scarpe contenitive per la pratica orientale del Loto d'oro, la riduzione cruenta dei piedi femminili (i cui effetti sono troppo orrendi per essere mostrati qui), misurano una quindicina di centimetri appena.

Il micro girovita di Cathie Jung, classe 1937, che da decenni indossa 24 ore su 24 un corsetto, misura 38,1 cm

Lo stomaco da paura del modello bielorusso Anton Antipov non reca tracce di grasso apparenti.

Cosa hanno in comune queste immagini? Concettualmente, tutto: ritraggono forme di body modifications (almeno una delle quali non irreversibile) più o meno estreme e legate ad un ideale di bellezza assolutamente artificiale. Consideriamo infinitamente desiderabile l'addome di Anton solo perchè ci hanno abituati a ritenerlo tale. Ciononostante, questa consapevolezza non fa per me la minima differenza: sapere che il fascino erotico di un addome muscoloso è tutt'altro che istintivo ma viceversa indotto non mi sposta di un millimetro. Lo desidero ugualmente. E anche tanto.

Ronaldo di cera

Da oggi il venticinquenne Cristiano Ronaldo ha la sua brava statua di cera nel famoso museo di Madame Tussauds, a Londra. Tanto per la cronaca, Ronaldo è quello a destra. Quasi quasi io preferisco l'altro, ha un aspetto meno artificiale.

martedì 8 giugno 2010

Evandro e Lady Gaga

Apprendo distrattamente che il mio buon Evandro Soldati ha partecipato ad un video di quella tizia lì, quella col nickname (nome d'arte mi sembrava un po' eccessivo) tratta da una canzone dei Queen, Lady Gaga.

Sulla canzone non mi pronuncio: i primi 2 minuti degli otto di cui si compone il filmato non si sente praticamente nemmeno una nota e la mia pazienza non dura così a lungo. Evandro, però, rigorosamente in mutande ed espressivo come un IDRANTE, è assolutamente perfetto. Riesco ad immaginare almeno un modo per dargli un po' di vita: sai come si dimena... ^^

lunedì 7 giugno 2010

Sam per Esprit

Il giovane modello britannico Sam Way (clic e clic) mostra la sua bellissima faccia e qualche centimetro del suo ragguardevole corpo dalle pagine del pesantissimo sito del brand Esprit >>.

Secondo me è bellissimo, anche con questi (intenzionali) colori fintissimi.

L'urlo di Cannavaro

Fabio Cannavaro non mi dispiace, anche se è arrogante e pieno di sé, e mi fa molto più sangue che tenerezza. (anzi, quella proprio ZERO, mentre trovo che sia un elemento essenziale al fascino di un ragazzo) Però in questa clip non si può guardare. E l'urlo belluino è una delle cose meno sexy che potevano inventarsi.

Giocare col tabasco

E' noto che la capsicina, il principio attivo del peperoncino, ha proprietà irritanti e che l'eccessivo consumo delle bacche scarlatte può risultare problematico. Tradotto in italiano, il peperoncino fa venire il bruciac*lo. Stante questa massima di comune esperienza, l'idea di utilizzare una bottiglia di tabasco come giocattolo sessuale sembra particolarmente infausta, specie quando poi non si riesce a rimuoverla e si deve ricorrere all'aiuto di un medico (!!) Pare che questo curioso incidente sia occorso qualche settimana fa ad un detenuto della Casa di Correzione di Caldwell, in Ohio, che è stato ricoverato con urgenza per via dell'oggetto estraneo capitato proprio nel suo retto. Il tizio ha inizialmente dichiarato di essere stato assalito sotto la doccia e violentato da un altro detenuto ma poi, probabilmente messo di fronte al fatto che non sarebbe stato necessario un corpo estraneo per essere brutalizzato da qualcuno nelle docce, ha poi confessato la verità, e cioè di aver utilizzato la bottiglietta per il suo personale trastullo. Sai che ridere se gli si rompeva (come è successo ad Alex). La portavoce della prigione, Julie Walburn, ha fatto sapere che per rimuovere l'oggetto estraneo è stato necessario un intervento chirurgico i cui costi, secondo la legge, sono a carico dello Stato che infatti è tenuto alla cura dei detenuti, compresi quelli che si nuocciono da soli. Saranno stati contenti i contribuenti. (fonte >>)

domenica 6 giugno 2010

Guerre stellari Adidas

La famosa scena della taverna di Star Wars è qui rivista e corretta con l'inserimento di nuovi protagonisti. Alcune trovate sono davvero simpatiche. E Beckham resta parecchio figo.

sabato 5 giugno 2010

Mario sul campo

Non c'è niente da fare: quello del calciatore resta un long seller dell'immaginario erotico. Specie quando si ha a che fare con uno attraente come Mario Gomez (classe 1985) - qui la foto intera.


Anche se, come ricorderete, la parte più attraente di Mario sono i capezzoli, che sono piaciuti anche al compagno di squadra Lukas Podolski (vedere per credere)

giovedì 3 giugno 2010

Spot gay di McDonalds

Di questo spot "gay" della catena di fast food McDonalds si fa un gran parlare da qualche giorno, tantovale discuterne anche qui con chi avrà tempo e voglia. A me è piaciuto, e non poco: trovo che chi l'ha ideato e scritto sappia davvero il fatto suo.

Cinque ragazzini e una cuffia

Cinque ragazzini e una cuffia da bagno, ovvero come giocare insieme praticamente nudi sotto la doccia senza che le proprie madri abbian troppo da ridire a proposito dello strofinamento reciproco. Per inciso, stavolta non ci ho visto neanche un grosso sottotesto omoerotico. Miracolo. Piuttosto: riusciranno i nostri eroi a trovare posto tutti e cinque nella medesima cuffietta, come essi stessi si sono proposti fino dall'inizio?

Pesce crudo in tubetto

Il "Sushi popper" non è uno stupefacente a base di pesce, ma vero e proprio sushi confezionato in pratici tubetti che permettono il consumo della prelibata pietanza in qualsiasi momento. Avete una disperata voglia di riso bollito e pesce crudo? Basta mettere un paio di questi rotolini nello zaino e il gioco è fatto. Notate che il bastoncino con cui sollevare le rondelle di cibo (già tagliate) e portarle alla bocca contiene qualcosa: trattasi di salsa di soia con la quale condire il gustoso snack. Questa gente ne sa una più del diavolo.

Considerando che io il pesce non lo mangio neanche cotto, potete immaginare che appeal può avere su di me un ordigno che sembra la versione peggiorata del Calippo. Comunque lo trovate qui >>

martedì 1 giugno 2010

Pubblicità vintage

Accendino "flaming asshole", probabilmente la cosa più kitsch e di cattivo gusto mai vista in Rete. Chissà se qualcuno se l'è mai comprato.