giovedì 31 dicembre 2009

Capi d'abbigliamento

Ho trovato cosa mettere stasera per il veglione! Gonna GIZMO, in tweed grigio con tasche "orecchio" e occhi di cristallo Swarovski, disponibile online >> per soli 2.100 dollari. E voi che fate per questa fine d'anno?

martedì 29 dicembre 2009

Comunicazione di servizio

Come avrete notato, sono temporaneamente in vacanza anche dal blog: naturalmente si riprende a breve :) Per ora, buone feste a tutti!

lunedì 28 dicembre 2009

Fidanzata robotica

L'inventore canadese trentaquattrenne Le Trung ha trascorso un felice natale in famiglia, in compagnia dei genitori e di "Aiko", il robot femmina da lui inventato e costruito nel corso di lunghi anni di ricerca che gli sono costati anche un esaurimento nervoso. Aiko è in grado di ripetere 13.000 frasi in due lingue e può riconoscere le facce delle persone che ha già "conosciuto". La ragazza meccanica ha inoltre una realistica pelle in silicone e capelli artificiali prodotti da una ditta giapponese che produce bambole; la tecnologia su cui Aiko si basa è talmente avanzata che il robot è in grado di distinguere il modo in cui viene toccato Come tutte le donne, reagisce se la si tocca in un certo modo, precisa il suo inventore, e se le si fa male cercherà di colpirvi. Dispone di tutti i sensi, tranne l'olfatto. Aiko cerca sempre di essere d'aiuto e non si lamenta mai. E' la compagnia ideale per il Natale. Inconvenienti? Nessuno, a parte il fatto che non è in grado di camminare... E comunque, a prescindere dalle abilità di cui potrebbe disporre, io un marito meccanico non lo vorrei!

domenica 27 dicembre 2009

Sopravvissuti

No, la mia personale slitta non si è rotta - come a questo Santa Claus - e, contro ogni previsione sono pure sopravvissuto al Natale:) E a voi come è andata?

martedì 22 dicembre 2009

Un'altra sessuità

"Gli uomini sessuali", di Checco Zalone, per quei pochi che, come me, non l'avevano ancora sentita. Trascrivo due righe di testo, che secondo me merita:

I uomini sessuali sono gente tali e quali come noi
Noi normali
Sanno ridere sanno piangere sanno battere le mani
Proprio come alle persone sani
I uomini sessuali non c'avranno gli assorbenti
Ma però c'hanno le ali
Per volare via con la fantasia
Da questa loro atroce malattia


Un unico commento possibile: SANTO SUBITO!

Finchè morte non li separi

Eamon Farrell (sin.), fratello gay del più noto Colin, qui con il compagno Steve Mannion sposato - a mia totale insaputa - lo scorso maggio. I due sono in procinto di partecipare ad una specie di cerimonia religiosa di benedizione del loro matrimonio: la funzione dovrebbe aver luogo il prossimo week end a Dublino e alla stessa dovrebbero seguire i festeggiamenti privati in un Night Club della medesima città.

Osservazioni: 1) è curioso che un paese a maggioranza cattolica si possa "benedire" un'unione tra due omosessuali 2) come mai tra due fratelli, uno etero e l'altro gay, quello figo è l'etero?!? 3) questo Steve non è davvero un granché.

lunedì 21 dicembre 2009

Michael Paré

Chi se lo ricorda? Io sì.

Scaldatette USB

Siete alla ricerca del regalo dell'ultimo minuto e avete già riciclato il riciclabile? Ho la soluzione perfetta per voi! LO SCALDATETTE USB!

Prodotto dalla giapponese Tanko e disponibile online >> per 1980 Yen (15 euro circa), misura 12 centimetri per 7 (circa) e viene fornito con un cavo USB di oltre un metro e mezzo per il massimo comfort. Chissà se abbisogna di driver.

domenica 20 dicembre 2009

Il piccolo tamburino

The little drummer boy, che qui trovate in una versione realizzata dal compianto Stephen Gately, è la mia canzone di Natale preferita. Molto nota negli Stati Uniti, suo paese d'origine, racconta la storia di un ragazzino che, sprovvisto di doni, si presenta ciononostante al cospetto del Bambin Gesù per regalargli l'unica cosa di cui dispone, il rullio del suo tamburo (pa rum pum pum pum): la Madonna, tuttavia, sfinita per il parto e ORRIPILATA al pensiero che il bambino possa destarsi dopo tanto penare, lo fa cacciare dai Re magi che gli sfondano il tamburo e lo lasciano sanguinante nella neve :))) (Di questa parte del testo non sono tanto sicuro, però). Ricordo di averla sentita in televisione, dodici anni fa, in un alberghetto di Londra in cui mi trovavo proprio di questi tempi, qualche giorno prima di Natale.

sabato 19 dicembre 2009

Appendiabiti Frankenstein

Appendiabiti realizzato smembrando vecchie bambole e applicando le braccine staccate ad un supporto di legno pregiato.

Un'ottima (!?) idea per riciclare i vecchi giocattoli e fare un regalo di sicuro effetto...

Per i più pigri, cui l'idea di giocare al piccolo Frankenstein non aggrada poi tanto, non c'è da sperare che la geniale autrice neozelandese >> lo rimetta in produzione...

giovedì 17 dicembre 2009

Forniture per Supereroi

La Brooklyn Superhero Supply Company (cioè la Società di forniture per Supereroi di Brooklyn) fornisce i gadget necessari per una moderna lotta al crimine: tutine con maschere, fucili a particelle, liquidi clonanti e pozioni varie. C'è anche un bellissimo aereo invisibile che, per la modica cifra di 4 milioni di dollari, vi viene consegnato direttamente a casa ricoperto di una pellicola opaca per evitare di andarci a sbattere contro.

Il negozio, che è autentico e che ha sede nella quinta Avenue a Brooklyn, vende davvero prodotti "genuini", disponibili anche online >>. Certo, ci si può porre pure il dubbio di CHE COSA si stia acquistando veramente, ma vi è comunque il modo di ricevere rassicurazioni. Come precisa il sito, "se comprate qualcosa in scatola o in bottiglia riceverete le complete indicazioni circa il contenuto delle stesse. E' tutto completamente sicuro - a meno che non siate un supercattivo". Dov'è la fregatura? In un certo senso non c'è: a quanto pare tutti i proventi del Negozio per Supereroi vanno all'Organizzazione 826NYC, un ente no profit che aiuta i ragazzi dai 6 ai 18 anni a sviluppare il loro talento di scrittori in erba... Come si dice, e vissero tutti felici e contenti

mercoledì 16 dicembre 2009

Predilezioni incomprensibili

Oh, non c'è niente da fare: più lo guardo, Robert Pattinson, e meno mi piace (e di me tutto si può dire tranne che non ho buoni gusti). Eppure mi ci sono pure provato, a farmelo garbare. Invece niente, mi dà sempre l'idea di uno appena ripresosi da una sbronza colossale. Tiene pure l'occhietto vacuo.

Riconosco però che pittato da vampiro, nelle immagini di scena, ha il suo fascino. Se qualcuno mi illumina del perchè riscuote tanto successo, sono pronto a cambiare idea!

Jake separato

Jake Gyllenhaal, con l'aiuto del un polpo che staziona sulla sua testa, spiega al pubblico infantile il significato della parola "separato" (nel senso di staccato). E' incredibile come questa clip, tratta dal famoso programma Sesame Street non solo non ha nuociuto all'immagine di sex symbol di Jake, ma l'ha anzi amplificata ulteriormente: l'uomo tenerone ha sempre venduto come il pane e il ragazzo, effettivamente, appare qui molto carino (e, per quanto mi riguarda, meglio zuccheroso che manzo).

martedì 15 dicembre 2009

Parrucchino per bambine

Baby bangs, toupe per la ragazza che ha tutto, tranne i capelli: "Il nostro cerchietto con capelli, in attesa di brevetto, permette alle neonate con pochi o punti capelli, l'opportunità di avere una pettinatura realistica in un LAMPO! Facile e veloce, la bambina non si renderà neppure conto che è in posizione. Ogni BabyBangs fascia con capelli è realizzata solo con i tessuti e le sete più pregiate e viene spedita appositamente preconfezionata, acconciata e pronta per l'uso immediato!".

Incredibile ma vero, si tratta proprio di un PARRUCCHINO PER BAMBINE fino a nove mesi di età, disponibile online >> per soli 29.95 dollari, spese di spedizione escluse. A suo modo, geniale.

Contro le bevande gassate

Il dipartimento della salute della città di New York ha diffuso questo singolare spot contro l'abuso di bevande gassate. Il messaggio è condivisibile: bere una lattina di coca (o che altro) al giorno per un anno fa ingrassare di cinque chili - peraltro meno di quello che pensavo (ma io di solito non ne bevo proprio). Qualche perplessità desta invece le modalità con cui questa idea viene veicolata. Va bene che la pubblicità deve colpire, ma anche non fare rivoltare lo stomaco al prossimo dovrebbe essere considerata un'aspirazione non disprezzabile...

lunedì 14 dicembre 2009

Candid Lucas

Bello, sorridente, rassicurante: Lucas è molto meglio in versione candid e coi vestiti addosso che quando si giace come una bestia coi ragazzini. Nella sua versione "giovane adulto" è ancora più irresistibile.

Caramelle al lardo

Caramelle tipo Toffee (ma noi le chiamavamo Mou), realizzate a base di LARDO SUINO proveniente dalla "rinomata" salumeria statunitense Boccalone, che tanto per dire, dalle mie parti significa Credulone. Le caramelle, sinceramente agghiaccianti, sembrano tuttavia autentiche anche se mi permetto di avanzare qualche riserva sul loro sapore: del resto, da che mondo è mondo, gli americani non hanno mai capito nulla di buon cibo (ne ho visti pasteggiare a lasagne e cappuccino). I gustosi dolcetti oggetto di questo post vengono 3.50 dollari a confezione di quattro pezzi. (clic >>) Se se ne comprano abbastanza scommetto che si vince uno sconto per l'angioplastica :)

sabato 12 dicembre 2009

Trappole virtuali

Qualcuno di voi si ricorderà di questo bel ragazzo: trattasi di Lucas Malvacini, diciannovenne brasiliano che ha prestato la sua faccia e il suo ragguardevole corpo al portale Terra.br che lo ha esibito come ragazzo copertina qualche tempo fa.

Pare (ed in questo caso la formula dubitativa appare particolarmente appropriata) che Lucas si sia esibito in una session di cybersesso a beneficio di una malintenzionata che lo ha attirato ostendendo le sue grazie (e fin qui niente di strano), allo scopo di pubblicare poi sul suo blog il filmato (!!). La tizia, che è in pratica una cacciatrice di teste (ehm), trae tanta più soddisfazione quanto più è famosa la sua preda ed è infatti tutt'altro che nuova a questo tipo di trappola virtuale: qualche tempo fa pare aver impallinato il calciatore Pato, creandogli non pochi problemi personali una volta che la notizia ha fatto il giro della Rete. Sono io ad essere, tutto sommato, fin troppo inibito, o questa è una grande stron*a?!?

mercoledì 9 dicembre 2009

Ancora sui gay per scelta

Ricevo una segnalazione di una curiosa notizia che mi era sfuggita: il solito cattedratico, il Prof. Francesco Bruno, ha commentato una dichiarazione di un certo Cardinale messicano e ha ribadito che a suo avviso l'omosessualità è una malattia, e che l'eliminazione della stessa da parte dell'Organizzazione mondiale della sanità dall'elenco delle patologie è frutto di una serie di pressioni poco chiare da parte delle lobbies omosessuali e addirittura di una campagna di interventi "porta a porta"; rileva che non è il caso di essere più espliciti di così per evitare querele (?) e ci tiene a precisare che comunque "Nessuno, tanto meno io, vuole fare delle discriminazioni, ma é così". (fonte >>) Amen. Ci rifletto su due secondi (il massimo che queste dichiarazioni meritano) e concludo che per quanto mi riguarda la cosa non mi fa né caldo né freddo. Essere gay è una malattia? Ok: per quello che ne so io potrebbe pure essere così (anche se la comunità scientifica pare di diverso avviso). Però è indiscutibile che certe legittime posizioni scientifiche, anche se minoritarie, hanno grosse ripercussioni "sociali" e ciò di cui si parla in termini apparentemente asettici va a toccare pesantemente le sensibilità e la sfera intima di tante persone, cui per esempio può non far piacere essere etichettate come "malate", cosicchè un po' più di delicatezza e mansuetudine non sarebbero state fuori luogo. Di tutto questo, tuttavia, ho già detto molte volte e non è il caso di ripetersi. Mi pongo perciò un'altra domanda banalissima, che scaturisce dal constatare che di solito l'idea omosessuale=malato proviene da persone (asseritamente) di fede:

Ma se tanto tanto avete preso un granchio?!? E se poi Dio vi dice "ma che state a di'?!?" Che succede se vi siete sbagliati e così facendo avete fornito a tanta gente malata motivo per odiare il prossimo?!?

Calciatori déshabillé

Daniele De Rossi ventisette anni non perfettamente portati (è una mia impressione o sembra più maturo?), calciatore della Maggica, si esibisce nel classico déshabillé a cui quasi tutti i giocatori non sanno evidentemente resistere. Come ho già detto, secondo me significa solo "guarda come sono figo": e noi, puntualmente, guardiamo ^^ (anche se non è il mio tipo!)

lunedì 7 dicembre 2009

Il ruggito di Ronaldo

C'è qualcosa di bestiale, e di sbagliato in quest'immagine di Cristiano Ronaldo (clic) che, essendosi denudato in questo modo dopo un gol, si è guadagnato un'espulsione. ""Sono umano, ho fatto un errore: anche io ho dei difetti, ma sono un professionista e non ci sto a perdere". La giustificazione, peraltro fallace (e non consequenziale), non rende meno belluina questa manifestazione che, a mio avviso, vuol dire più semplicemente guardate che figo da paura che sono, vi spacco il cu*o a tutti. Non ci si può aspettare dell'umilità da parte di uno come Ronaldo, abituato ad essere ricoperto d'oro e desiderato follemente. Però questo atteggiamento non contribuisce al suo fascino, almeno ai miei occhi.

sabato 5 dicembre 2009

Semplicemente Andy


Che dire? Beato chi ci si giace.
Grazie a Mr. D per la segnalazione

Attivista genio


Preferiresti forse che sposassi tua figlia?


Geniale cartello di un attivista pro matrimonio gay, che mi suscita un'unica riflessione: SPOSA ME!

venerdì 4 dicembre 2009

Patatine al cioccolato

Patatine fritte glassate al cioccolato per un'esperienza sensoriale davvero diversa. Disponibili nelle versioni al cioccolato dolce e amaro, (clic >>) sembrano cattive ma almeno sono care: 22 dollari per levarsi lo sfizio di assaggiare una cosa palesemente schifosa mi sembrano quantomeno eccessivi.

giovedì 3 dicembre 2009

Abbasso le gonne di fustagno

Questa foto gira da un po' di giorni in Rete: la pubblico solo adesso che sono venuto a conoscenza dell'episodio che l'ha originata e del piccolo/grande buzz mediatico che ne è seguito che, a quanto pare, non si è ancora placato. I due cartelli, naturalmente, dicono (da destra a sinistra) "L'omosessualità è PECCATO e Cristo può liberarti" e "le gonne di fustagno sono PECCATO" e sono rispettivamente branditi da Michelle Deferio e da Chris Pesto.

Quest'ultimo, studente all'Università di Syracuse, ora eroe per caso nella Rete, ha spiegato le ragioni della sua personale protesta:

Ho notato due adulti nel Campus che portavano cartelli in cui c'era scritto che l'omosessualità è peccato. Voglio precisare che ritengo sia giusto che la gente pensi quello che vuole, che tutti abbiano le loro opinioni. Tuttavia, quando si tratta della mia università, un posto in cui pago per stare, non credo sia opportuno che qualcuno venga a sbatterci in faccia un messaggio tanto ostile. Ho deciso che se quella donna pensava che fosse OK farmi sentire fuori posto a casa mia, avrei fatto lo stesso con lei, se non peggio. La ragazza aveva una gonna di fustagno lunga fino alle caviglie che dal punto di vista della moda è tabù. Così, per metterla a disagio, mi sono messo accanto a lei con un cartello che diceva che le gonne di fustagno sono peccato! Non credo di aver mai attirato tanta attenzione nella mia vita!

Il risultato di quella che a noi, dall'altra parte del mondo, sembra solo l'ennesima americanata? Una pacifica protesta che ha interessato più di cento persone, giunte spontaneamente a sostenere le ragioni di Chris, e una ben meritata gogna mediatica per quella Michelle lì, che effettivamente si veste come i maiali (clic >>).

mercoledì 2 dicembre 2009

Ingiustizie

Riconoscete questo individuo di orribile sembiante, sedicente attore e comico? Esatto, era quel tale che faceva l'imitazione del pomodoro, e poi quella del pomodoro napoletano che si differenziava dal precedente perchè faceva UE'. Sapete quanti fans ha lui su facebook!?!? 929!!! Sapete quanti ne ho io, che sono molto più carino e che, in più sono l'amore della mia mamma? Pochissimi (buoni, ma pur sempre pochi!!!!) Che ne dite di rimediare? :)

Tutine aderenti

Vedete questi che hanno tutta l'aria di essere dei manichini?!? Ebbene, non lo sono. Trattasi in effetti di tizi che indossano, per il solo piacere di farsi ammirare (ehm), le aderentissime tutine Morphsuits: disponibili in ben 11 colori di gran moda, coprono completamente l'intero corpo, incluse mani, faccia e piedi (clic >>).

Confezionate in Lycra elastica, le tutine sono lavabili in lavatrice e si indossano direttamente sulla pelle nuda (da prendere comunque in considerazione l'ipotesi di mettere prima uno slippino: sconsigliati i boxer perchè fanno effetto cu*o flaccido). Le tutine consentono anche di consumare bevande, sorbendole direttamente attraverso il tessuto. Attenzione però ad un eccessivo consumo di liquidi, liberarsi dall'elegante vestitino richiede di manovrare da soli due cerniere lampo...

Orrende in sé e per sé, diventano un crimine contro l'umanità se la vostra forma fisica lascia a desiderare. Naturalmente io farei un figurone ^^'

Arredi urbani

Curiose statue fotografate in varie parti del mondo: sopra, VOMITINO :), che a quanto pare si trova a Londra (con grande sdegno di alcuni sudditi di Sua Maestà),

e il Giovanotto Che Si Tocca (!) che in generale non è un brutto vedere :) tranne quando lo stesso è di bronzo e staziona sopra il Teatro Nazionale di una città che non sono riuscito a capire bene... Qui >> la raccolta dalla quale sono tratte queste due immagini.

Novak



Il giovane tennista serbo Novak Djokovic è bello, carino, simpatico e sexy. Non trovate?