venerdì 30 gennaio 2009

Il trono del Sovrano

Come mai l'Enrico VIII televisivo, interpretato da Jonathan Rhys Meyer anche nell'imminente terza stagione de I Tudor, siede assiso su un trono fatto interamente di ragazzi nudi e muscolossissimi?!? (click >>)

giovedì 29 gennaio 2009

Sono gay, anzi no ("Che palle!")

E' notizia di questi giorni che l'Etoile Roberto Bolle, stella di prima grandezza della danza classica e uomo di una bellezza disperante, avrebbe fatto coming out ad una rivista francese. La cosa naturalmente era stata accolta con grande favore dalla comunità omosessuale, sempre alla ricerca di modelli positivi che possano contribuire a fare dei gay una categoria un po' meno invisa al grande pubblico, e una certa delusione ha accompagnato la parziale ritrattazione di Bolle che si è pronunciato nei termini che alcuni di voi già conoscono:

«Non ho mai parlato della mia sfera privata - afferma Bolle - e non intendo iniziare ora, per cui la notizia del mio presunto «coming out» non corrisponde a verità. Come è ormai risaputo non amo parlare della mia vita privata e non rilascio mai dichiarazioni sulla mia sessualità e su quella di terzi e non credo che questo faccia parte dei «doveri sociali» degli artisti e dei personaggi pubblici. Rimane la mia simpatia e il profondo rispetto per le persone omosessuali. Quello affrontato con il giornalista era un argomento generale e non personale. Rimango sempre stupito nel constatare come tutto quello che è gossip e fantagossip viaggi più veloce delle notizie che riguardano invece la cultura e l'arte, che sono invece gli unici argomenti di cui amo parlare e di cui mi faccio portavoce».

Posizione del tutto accettabile (peccato quella "simpatia" sparata un po' a caso), che chiude una questione per la verità abbastanza bagatellare. Più interessante è soffermarsi sui forum in cui si commenta la notizia. Da quello del Corriere della Sera traggo questo messaggio che trovo molto istruttivo:

Ma possibile che ogni giorno non si faccia altro che rivendicare diritti omosessuali? Ma quali sono i diritti non riconosciuti? Il lavoro? La vita? Lo stipendio? O forse la coppia solo maschile o solo femminile, è per questo che ogni giorno si deve trovare qualche articolo a riguardo? Ma fate un po' quello che vi pare e lasciateci in pace, tanto lo fate lo stesso. E comunque pensate un po' che se tutti fossero come voi nel mondo ci sarebbero meno famiglie, meno bambini, e forse non ci sareste stati nemmeno voi... ma allora forse nella nobiltà della famiglia omosessuale c'è qualcosa di forzato e puramente ideologico... comunque il punto è che qui c'è uno stillicidio quotidiano, ci sono altri argomenti di cui parlare, ad es. non si parla mai di chi campa in silenzio e facendo il suo dovere ma bisogna parlare dei movimenti del cuore di "chissenefrega"...

Un commento che appare rozzo e sgradevole ma che proprio per la sua veemenza è in grado di rivelare molto di come l'uomo della strada vede gli omosessuali: come un VOI, come un gruppo estraneo alla società civile le cui rimostranze sono motivo di fastidio e irritazione per chi, campando in silenzio e facendo il suo dovere si trova a "subirle" (come se chiedere qualcosa per se stessi diminuisse i diritti e le prerogative degli altri). Naturalmente le cose che i gay dicono, individualmente o per bocca dei propri improbabili "portavoce", non sono per ciò stesso giuste o degne di nota, sono semplicemente l'espressione di una delle tante voci che provengono dalla società e che, come tali, non hanno maggiore o minore dignità di altre. Eppure, c'è chi le percepisce con risentimento. Come se ne esce? Dichiarandosi, rendendosi "più rispettabili", presentandosi con mansuetudine e in modo conciliante? NO: la verità è che NON SE NE ESCE. C'è un'incompatibilità culturale, endemica, un'incomunicabilità attrubuibile a tutte le parti in gioco (anche è se solo ai gay che si chiede una maggiore "sportività" e di non stare a chiosare la singola parola, infondochessaràmmai, perchè a mostrarsi concilianti quando in ballo c'è la dignità degli altri sono buoni tutti). La questione omosessuale in Italia sarà risolta tra cent'anni (forse), ma certo non ora. Adesso mi accontenterei anche un po' di vuota ma consolante political correctness, la stessa che, per esempio, vorrebbe sostituire "dichiarazione dei diritti dell'Uomo" con "dichiarazione dei diritti dell'Umanità". Non sarà il massimo, ma se è vero che non si deve per forza piacere agli altri, per lo meno si ha il diritto di non voler sapere cosa essi pensano di noi. Anzi, cambiamoci nome, come "gruppo sociale" (del resto, gli extracomunitari sono diventati migranti). Che qualcuno inventi una parola che "ci" sdogani, anche solo per finta!!!

mercoledì 28 gennaio 2009

Ragazzini in TV

Non seguo Amici, anche se so che è una trasmissione di grande successo anche tra gli uomini che amano gli uomini. Ho provato a guardarla ma le dinamiche tra i protagonisti mi sono parse incomprensibili e i toni, certo non pacati, si alzano anche a causa dell'atteggiamento per nulla conciliante di certi "insegnanti" che non disdegnano di strillarsi addosso. Questo ragazzino, Domenico Primotici, diciottanni, e, pare, allegramente bottom (in occasione della distribuzione di profilattici avrebbe dichiarato proprio questo suo ruolo), è sfrontato, abbastanza carino e soprattutto, straordinariamente nudo ed implume quando, per esigenze artistiche, si esibisce vestito solo di un costumino aderentissimo. Sarà la sua goffaggine, la sua faccia concentrata e sudata, ma ai miei occhi le sue esibizioni appaiono vagamente oscene, come quelle di altri suoi colleghi di balletto nella stessa scuola televisiva. Non sarà che questo fa parte del gioco, per attirare pubblico?

martedì 27 gennaio 2009

Musica

In giornate come queste >> si rischia di farsi prendere la mano (o peggio dalla megalomania) finendo per scrivere bischerate e per scongiurare il pericolo basta astenersene.


Vi sottopongo però questa musica in cui proprio oggi mi sono imbattuto nuovamente e che è del tutto appropriata, date le circostanze; soprattutto è una tra non molte in grado di farmi letteralmente squagliare. Il Sig. Williams è un genio.

Nell'Isola disabitata

Questo bel ragazzo si chiama Vasiliy Stepanov, ha ventitrè anni ed è un attore dell'ex Unione Sovietica.

Sirenetto in quello che appare un B Movie di genere fantascientifico "L'isola disabitata" ( sembra un po' Twelve monkeys), Vasiliy ha attratto la mia attenzione perchè è molto bello...

... e perchè secondo me ha delle labbra da paura. Peccato il piede. (qui >> altre foto)

Gabinetto tecnologico

Quando si dice che la tecnologia ha cambiato le nostre abitudini non si è molto lontani dal vero: specie quando si ha a che fare con prodotti come questo. AIR POO, il primo gabinetto ultratecnologico, munito in corrispondenza di ciascuno dei pallini rossi di un gadget grazie al quale rendere più gradevoli le nostre... beh... session. Incredibile ma vero, questo elegante sanitario dispone di uno slot per riporre ed alimentare Mac Book Air (come se uno, dopo aver speso un fracasso di soldi per un portatile lo lasciasse alla latrina!), di un router wireless, di un connettore per iPod collegato ad un sofisticato sistema di casse ("Never worry about embarassingly loud flatulence again! These speakers will fill your bathroom with crystal clear highs and bowel shaking lows."). Completa il tutto un sofisticatissimo sciacquone a potenza progressiva, in grado di smaltire diversi tipi di rifiuti (ehm) e una seduta riscaldata per il massimo confort. Roba da pazzi >> Non è chiaro se si tratta di un concept o di un vero e proprio prodotto commerciale: se lo scoprite, fatemelo sapere. Anzi, no, preferisco rimanere nella mia beata ignoranza.

domenica 25 gennaio 2009

Mascheramenti artistici

Il quarantaseienne "artista" del Michigan James Kuhn >> si è pittato da tacchino in questa suggestiva foto che non a caso ha pubblicato con l'appropriato sottotitolo "Autoritratto da cena del Ringraziamento": notate la finezza del ripieno del tacchino, visibile attraverso l'orifizio.

Eh si. Questo pacioso signore che sembra l'omino di burro di Pinocchio è un artista gay, una drag queen, un ex nudista e un cristiano reincarnato (qualunque cosa questo significhi): se di solito rappresenta immagini tratte dalla Bibbia, non disdegna di usare talvolta la sua stessa faccia come tela per dipingere. Alcune delle immagini del suo proflio Flickr sono effettivamente ingegnose, ma il risultato è spesso sconcertante...

la Mosca, per esempio, è genuinamente repellente

... pensate che il contenitore di Pop Corn è una delle meno peggio: cercate la Pannocchia e la Ruota della Fortuna se non mi credete. (click >>)

giovedì 22 gennaio 2009

Ossessione senile

La mia personale ossessione senile per questo ragazzo (ormai non ne faccio neanche il nome, chi mi segue lo conosce più che bene) sta toccando livelli preoccupanti anche per i miei stessi standard.

Come ho scritto altrove, molto di recente è capitato di essermelo pure sognato la notte (non sto scherzando). Sfortunatamente era un sogno da bambinette - niente sesso sfrenato o mani addosso: la cosa più spinta che ricordo era un bacino sulla spalla. Lo so, lo so, sono da ricovero: però è colpa sua, è uno schianto - ed è anche piuttosto prestante... click e click

mercoledì 21 gennaio 2009

Cocomeri

Forse il titolo più giusto per il post sarebbe stato spaccare cocomeri, ma il semplice sostantivo, usato da solo, chiarisce meglio il contenuto del filmato per motivi che vi parranno ovvi. Vedere per credere.

martedì 20 gennaio 2009

Sexy rapper

Questo nuovo rapper, di cui si parla abbastanza in Rete, ha immediatamente colto la mia attenzione per la sua avvenenza e il senso di pulizia che ispira.

Non avrà una voce limpidissima, però ha il senso del ritmo. O, almeno, da sobrio, c'è la possibilità che ce l'abbia. Forse ha solo sbagliato un po' il look: a me piaceva di più nella sua incarnazione precedente (incredibile ma vero>>)

lunedì 19 gennaio 2009

La lampada con la Madonna

La vita di un signore australiano, che si è presentato al mondo con lo pseudonimo di John Smith, è radicalmente cambiata in meglio da quando nella sua lavalamp è "miracolosamente" apparsa l'immagine della Vergine Maria che tiene in braccio il Bambinello: "12 mesi fa un miracolo è accaduto davanti ai miei stessi occhi. Stavo attraversando un periodo molto duro e pregavo che Dio mi mandasse un segno per dirmi che non ero solo che tutto sarebbe andato per il meglio. Ho acceso la mia LavaLamp nuova di zecca osservando con timore e reverenza l'immagine inequivocabile della Madonna che culla Gesù bambino apparire di fronte a me. Sono rimasto senza fiato. Ho spento immediatamente la lampada e l'ho lasciata così da allora. Dopo poche settimane dopo che la Vergine Maria era apparsa a me, ogni aspetto della mia vita ha iniziato a trasformarsi miracolosamente".

L'evento prodigioso è dettagliatamente ricostruito in un apposito sito che, non a caso, si chiama lampadadellavergine (holymarylamp.com >>): forse per appalesarsi la Madonna poteva scegliere un mezzo un po' più appropriato che non una lampada piena di acqua distillata e cera riscaldata, ma le vie del Signore sono davvero infinite.

sabato 17 gennaio 2009

Video motivazionale

Non è chiaro quale messaggio questa incomprensibile clip intenda trasmettere. Presumo che voglia valorizzare lo spirito di sacrificio. ma visto l'ostacolo della lingua la mia interpretazione vale una qualsiasi altra. Certo è che il filmato è abbastanza sconcertante: vi raccomando di guardarlo tutto, o non l'apprezzerete in pieno.

Discoteca senza immissioni

Silent Arena è una società con sede nel Regno Unito costituita da sedicenti ingegneri del suono e DJs specializzata nell'allestire, direttamente a domicilio del cliente, una Discoteca Silenzionsa (Silent disco) con la quale "animare" feste e ritrovi di varia natura. L'idea rappresenta il classico uovo di Colombo: fornire ai partecipanti delle cuffie wireless e "sparare" la musica direttamente nelle orecchie delle persone, piuttosto che diffonderla nell'ambiente, con grande cruccio dei vicini spesso afflitti da immissioni ben oltre il limite della normale tollerabilità :) Il sito >> assicura che la discoteca silenziosa è qualcosa di rivoluzionario, un'esperienza da provare. Sarà. A parte che l'isolamento totale uccide la conversazione, secondo me si diverte più chi guarda che chi balla.

Cambiamenti

Allora, ragazzi/e, che ne dite? Andiamo, non siate timidi, siete il mio pubblico, devo sapere cosa pensate ^^ (tenete presente che ci sono ancora alcune cose da aggiustare!)

venerdì 16 gennaio 2009

Sexy per caso

Le foto candid sono sempre le migliori: guardate che sexy che è il giovane tennista serbo Novak Djoković (1987 - ) mentre si cambia la maglia, in modo apparentemente non malizioso (o non diretto a suscitare concupiscenza)! (ingrandimento) Novak, tra l'altro, parla un buon italiano (per quanto se so aveva una ragazza italiana) e, a stare alle inteviste in TV, dà l'idea di essere un giovanotto con la testa sulle spalle. Praticamente il principe azzurro... ;)

giovedì 15 gennaio 2009

Pappa buona

Occhio di tonno, che non è un'imprecazione tipo Corpo di Bacco, ma una vera e propria pietanza (!). Infatti c'è chi l'ha accuratamente bollito e, non pago, se l'è pure mangiato. (click >> ma non per i deboli di stomaco - io non mi impressiono facilmente ma questo è davvero rivoltante)

mercoledì 14 gennaio 2009

Palloncini arrapati

Geniale pubblicità di profilattici. I "cagnolini" sono deliziosi.

L'estensore

Vedete questa curiosa accozzaglia di ordigni inconsulti? Non ci crederete, ma si tratta di dispositivi per la "ricostruzione" non chirurgica del prepuzio. Il fatto di essere stati privati di una significativa parte del proprio corpo è infatti per molti uomini circoncisi fonte di grosso cruccio. Questo ha indotto taluni a cercare di inventarsi un modo per riguadagnare i centimetri scomparsi, cercando in cassetti e ripostigli quanto si prestasse alla bisogna. Il principio dell'operazione è infatti semplicissimo: cercare di tendere e mantenere in tensione quel poco di pelle che è stata risparmiata dal coltellaccio del circoncisore, in modo che, nel corso di un lungo periodo di tempo, il corpo rigeneri autonomamente il tessuto mancante. La cosa sgradevole è che, una volta che l'ordigno è stato collocato in posizione, deve essere legato al polpaccio tramite una fascia elastica che assicuri la giusta tensione per svariate ore durante ciascun giorno. Quello che vedete sopra è un kit tra i tanti in vendita su Internet.

Se il fatto che comprende una stringa da scarpe lo fa sembrare una cosa artigianale, è perchè lo è: li produce un tizio, un certo Ron Low che ha ottenuto una certa popolarità ed è comparso in TV più di una volta ad illustrare i benefici del suo sistema, uno di quelli che appare più "professionale" e affidabile tra quelli che si trovano in Rete (immaginatevi gli altri!). Sul suo sito >> si trova anche il link ad un forum di... "pazienti" che discutono degli argomenti più vari, non ultimo dei benefici del "nuovo" prepuzio sull'autoerotismo. Alcuni, peraltro, appaiono smarriti: cosa "dovremmo" sentire?

lunedì 12 gennaio 2009

Giovani ecologisti

Non seguo la politica, se non quel tanto che basta per potermi dire parte del consorzio civile: mi esaspera nei toni, e nella straordinaria pochezza di certi protagonisti. Tolto l'appeal intellettuale e ogni pulsione fisica, non è strano che la cosa non abbia per me alcuna attrattiva ^^ A pochi chilometri dai confini d'Italia, tuttavia, c'è chi schiera un rappresentante da cui vorrei effettivamente essere rappresentato: Bastien Girod, baby parlamentare svizzero di recente investitura ed ecologista convinto.

Una bella espressione simpatica, un faccino da bravo ragazzo (c'ha "solo" ventottanni)...

... e, provvidenzialmente esibita in una manifestazione di piazza, una tartaruga niente male ;) Il che è un bene: le tartarughe, infatti, sono una specie in via di estinzione, e se ne vedono sempre meno in giro.

domenica 11 gennaio 2009

Reliquie (post anomalo)

I visitatori credenti di questo blog mi scuseranno per questo post inserito in un contesto che sembrerà loro particolarmente inappropriato. Naturalmente non intendo irridere alcuno, è solo che la notizia che trovate sotto mi ha lasciato intedetto e vorrei sapere il pensiero di chi mi legge.

Quella che vedete è (potenza di Wikipedia) Teresa di Liesieux, religiosa e mistica francese vissuta nella seconda metà dell'ottocento, venerata come santa dalla Chiesa cattolica. E' notizia di questi giorni che "Sabato 10 gennaio, l’urna con le reliquie dei Beati Luigi e Zelia Martin, i genitori di Santa Teresa di Liesieux, è arrivata a Roma nella Basilica di San Pietro, dove è stata accolta da S.E. il card. Angelo Comastri. L’urna rimarrà in Basilica per 4 giorni: il 14 gennaio l’Udienza con Papa Benedetto XVI. Le reliquie dei genitori di Santa Teresa hanno viaggiato per l’Italia, accompagnate dal padre vice postulatore Antonio Sangalli, e si sono fermate in città come Taranto, Bari, Chieti, Loreto, Imola, Monza, Vicenza. (...) I beati Luigi e Zelia Martin possono essere definiti modelli esemplari di vita cristiana per le famiglie di oggi, come ha anche sottolineato lo stesso Benedetto XVI in una lettera in preparazione al VI Incontro Mondiale delle Famiglie che si terrà a Città del Messico".

Ora, è vero che per un credente queste celebrazioni hanno un impatto emotivo maggiore di quello che hanno, per esempio, su di me, però per quanto mi riguarda non riesco ad immaginare nulla di più lontano dal mio senso del trascendente: le RELIQUIE con i resti dei GENITORI di una mistica dell'ottocento? Che senso ha?!? Non è questa una religiosità superstiziosa da medioevo?!

P.s. ragazzi, siamo tra gente civile: niente prese in giro o commenti caustici, c'è chi crede, e noi non siamo talebane solo per ciò che ci fa comodo! Mi raccomando! :)

Uomini rudi

Ho trovato questa curiosa immagine dell'ex rugbista ed attuale dirigente sportivo inglese Lawrence Dallaglio (1972 -) che viene ghermito con precisione quasi millimetrica durante una rude partita partita tra omaccioni. E' uno dei pochi casi in cui... non vedo frocio: alcuni contatti in campo tra sportivi sono indifendibili quanto ad omoerotismo, ma questo è certamente casuale.

Eppure l'uomo massiccio e rude a quanto pare, ha un sacco di estimatori. Non sto a dirvi se a me piace oppure no perchè dovrebbe essere ovvio. (P.s. ricorderete però che vi sono anche dei rugbysti in rosa... :)

venerdì 9 gennaio 2009

Gli spaghetti del Governatore

In gioventù il Governatore Schwarzenegger (horribile visu!) non solo si è cimentato in ruoli cinematografici abbastanza discutibili, ma non ha disdegnato di arrotondare le entrate interpretando anche clip pubblicitarie destinate al mercato estero. Qui lo vedete in un bizzarro spot relativo agli spaghetti in brodo confezionati. Chissà cosa direbbe se lo rivedesse adesso.

giovedì 8 gennaio 2009

Peli pubici decorativi

A noi profani le strade dell'arte appaiono insondabili. Questo elegante piatto è stato concepito dalla designer Ana Mir Prieto (1969 - ) e si caratterizza per una "geniale" decorazione: dei peli pubici disegnati (!), per il raccapriccio dei più. Non sarà di gran gusto, ma almeno è costoso, perchè, a quanto pare, è in vendita a 90$, spese di spedizione escluse (click >>)

La Sig.ra Mir, peraltro, non è nuova a questo genere di trovate: quelle che vedete sopra sono le mattonelle per il bagno che che riprendono lo stesso motivo del piatto, per regali di sicuro effetto (...) Se vi sembrano strane, o di cattivo gusto, è perchè non avete visto i cioccolatini che Ana ha ideato...

mercoledì 7 gennaio 2009

Dei media e della comunicazione

Non c'è scampo, per quanto ci si ritenga avveduti e scafati non si può pensare di resistere alla diabolica arte del marketing e degli esperti di comunicazione. Il brutto buzzurro (anzi, il buzzurro brutto - che non è la stessa cosa) della foto che vedete sopra, istruito da consulenti astutissimi, è riuscito a generare una tempesta mediatica semplicemente annunciando il titolo di una canzoncina (ma nella precedente sognava di essere un piccione, quindi non c'è molto da aspettarsi) e, in questo modo, a conquistarsi una valanga di pubblicità gratuita che diversamente non avrebbe potuto avere.

La strategia di comunicazione, a quanto pare, ha anche una sua progressione, perchè, come dice l'antico adagio, bisogna battere il ferro finchè è caldo: infatti stamattina l'Artista di cui si discute ha fatto sapere tramite un settimanale che riceve minacce di morte che, tuttavia, non serviranno allo scopo perchè lui non cede alle intimidazioni. Quando ho visto il titoletto su un portale internet mi era venuto il sospetto che si trattasse dell'ennesima trovata pubblicitaria (per le minacce c'è la Procura della Repubblica, non Sorrisi e Canzoni), adesso che ho letto il lancio di agenzia sono sicuro che si tratta di una mistificazione e che non c'è nulla di vero. Ma il problema resta. Di chi è la colpa, se un tale bischero ha avuto tanta eco? Di tutti, dei blogger (e quindi anche mia), di Arcigay che nella provocazione è caduto con tutte le scarpe, della morbosità della gente, della fame di notizie dei media, della TV supertrash che di queste cose si alimenta.

Spiace però dover constatare che, in fondo in fondo, è l'argomento omosessualità ad essere considerato qualcosa di torbido e pruriginoso, tanto che basta rammentarlo e si svegliano in cento. Non so se in Paesi più civili del nostro (il Togo?) una non notizia come il fatto che uno sciamannato va a cantare una canzoncina in TV avrebbe avuto tanta eco.

lunedì 5 gennaio 2009

Pazzi per le pillole

Sull'Osservatore Romano alcuni medici hanno preso posizione contro la pillola anticoncezionale nella quale, a parer loro, si concentrano i mali del mondo: "I mezzi contraccettivi violano almeno cinque importanti diritti dell'uomo: "il diritto alla vita, il diritto alla salute, il diritto all'educazione, il diritto all'informazione (la loro diffusione avviene a discapito dell'informazione sui mezzi naturali) e il diritto all'uguaglianza fra i sessi (il peso dei contraccettivi ricade quasi sempre sulla donna)"".

Roba da pazzi. Ma sono capace anche io; aspettate, provo: "I mezzi di locomozione [tanto per dirne una] violano i principi fondamentali dell'ordinamento costituzionale: i diritti di uguaglianza formale e sostanziale (perchè chi ha una macchina più brutta viene sbeffeggiato), il diritto allo sviluppo della cultura e della ricerca scientifica e tecnica (perchè usando sempre gli stessi mezzi pubblici e/o privati viene meno la spinta allo sviluppo di nuovi), il diritto alla salute (non si va più a piedi e la salute peggiora) e costituiscono un'offesa alla bandiera della Repubblica, che è solo verde, bianca e rossa, a tre bande verticali di eguali dimensioni."

Facezie a parte, la Società italiana per la contraccezione ha bollato come "fantascientifiche" le affermazioni dell'Osservatore Romano. Fantascienza, però, non è la parola giusta: quella giusta è PROTERVIA.

Ombelichi del mondo

Ho già detto tante volte che i ragazzi non mi piacciono a pezzi e che in generale li guardo nella loro interezza, senza soffermarmi su un particolare specifico. Evidentemente non è così per tutti: questo sito >> infatti contiene immagini di ombelichi (maschili e femminili) realizzate dallo scafatissimo webmaster che, a quanto pare, è riuscito a convincere dei perfetti sconosciuti a mostrare il loro ombelico all'obiettivo di una fotocamera. Vorrei essere capace di farlo anche io. Comunque sia, quello della foto è il più sexy.

Pulire il pesce

Sembra che questo raccapricciante utensile per pulire il pesce, dal geniale nome di Wunder Boner (come sapete, boner vuol dire anche pene in erezione") fosse in vendita in televisione anni fa negli States. Ovviamente l'orrendo attrezzo, che pure veniva fornito con varie asticciole e "con un supporto di polietilene che serve come contenitore e come base per il taglio!" ha avuto vita breve perchè, a quanto pare, non lo ha comprato nessuno, ma il filmatino pubblicitario conserva ancora un suo perchè. Vi segnalo il bruto col cappelletto da pescatore che dice "a mia moglie piacerebbe!". I doppi sensi, naturalmente, si sprecano...

domenica 4 gennaio 2009

Auguri superkitsch

Auguri kitsch-issimi di una farmacia del centro: peccato che nella foto si è perso l'effetto neve delle pallette di polistirolo che, sparate dentro la palla di vetro da un getto d'aria, cadono festose sulla confezione del farmaco. Orendo