martedì 10 febbraio 2009

Vergogna

La terribile vicenda che ultimamente ha occupato le prime pagine di tutti i quotidiani si è conclusa ieri nel peggiore dei modi, con la sconfitta di tutti i protagonisti. Di Eluana, che per poter fuggire dalla sua prigione è dovuta morire non nel silenzio, ma con cortei di fanatici sotto le finestre; del padre della povera ragazza, che con tutta probabiltà sarà indagato per omicidio volontario, della struttura sanitaria che andrà incontro a mille problemi, della compassione e dell'umana comprensione che hanno arretrato di fronte alla spietatezza di chi ha proclamato i propri principi primi a dispetto di tutto e tutti. Ed ancora, sconfitti sono risultati l'immutabilità dei provvedimenti giurisdizionali e la correttezza nella predisposizione di norme che dovrebbero essere solo generali ed astratte. Io non sono uno che si impressiona facilmente, ma la strumentalizzazione politica e l'orrendo circo mediatico (che, fortunatamente, si è visto privare del reality show che la morte minuto per minuto avrebbe rappresentato) mi hanno sinceramente dato il voltastomaco e fatto vergognare.

4 commenti:

quasibaol ha detto...

Sciacalli!

Antonio ha detto...

Non lo so.... io non ne ho voluto parlare sul mio blog per non fare speculazione... l'unica cosa che mi viene da dire è che la vita è preziosa solo quando è vita... e sinceramente, non ne sono sicuro al 100%

shamrock ha detto...

no comment... questo è quello che avrebbero dovuto dire molti giornali e televisioni, ed anche il mondo politico... ed invece si sono avventati come vampiri che hanno succhiato, succhiano e succhieranno ogni goccia di sangue che è possibile cavare da questa vicenda per fare audience e/o per i propri interessi personali o di partito...
no comment

Velies Thyrrens ha detto...

antonio, scusa ma la cosa non è esattamente la stessa! noi non ci guadagnamo mica niente, a parlarne oppure no! Diciamo solo come la pensiamo, mentre i media lo fanno per autoalimentarsi e per generare audience!