lunedì 13 ottobre 2008

Cavernicoli gay

E' probabile che siate orripilati quanto lo sono stato io nel vedere questa foto, ma per strano che possa sembrare, il sito da cui l'ho tratta (scegliendola tra quelle più presentabili) è più che altro incentrato sull'ambiente circostante piuttosto che sul modello.

L'idea non è sbagliata: mostrare che non tutti i gay sono raffinati dandy di città che amano circondarsi di cose belle e le cui case sono pronte per essere fotografate per le riviste di architettura (non a caso il blog si chiama Luriddigs, cioè Tane luride), ma che ci sono anche certi per cui avere un bell'appartamento è un'aspirazione del tutto trascurabile. Il risultato, però, è fin troppo repellente, nè affatto divertente. Per inciso, casa mia è arredata in modo semplice ma con un certo gusto: meglio stereotipo che cavernicolo!

2 commenti:

loran ha detto...

Penso che questo sito giochi più sugli eccessi e quindi su di uno stereotipo inverso, anche io sono gay ma non ho ne una casa come queste ne una stile "Il Vizzietto"

Anonimo ha detto...

Io ho una casa normale e ritengo bella senza essere miliardario. Cmq fatico a credere che gente possa vivere in uno schifo del genere, pensate entare in una casa del genere. La fiera dell'acaro