sabato 12 gennaio 2008

Momenti intensi

Il mio amico judoka ventiduenne, tale e quale Gaspard Ulliel (ma l'attore francese è un po' meno carino) ha trascorso l'intero pomeriggio a casa mia, mostrandosi più che soddisfatto della mia compagnia e dei modesti consigli che ho potuto offrirgli. Mi fa piacere godere della sua stima e, credo, del suo affetto, però io in questo momento sono uno straccio: non dovrei invitare da me i ragazzi da cui sono attratto in modo così totale, non ho più l'età per il supplizio di Tantalo. La prossima volta gli dirò la verità, e cioè che non ce la posso fare.

5 commenti:

Gan ha detto...

La prossima volta non dirgli niente, bacialo e basta.

zannazf ha detto...

Come ti capisco io ho lo stesso problema con un collega di 21 anni.Sono veri suplizzi ma che ci vuoi fare. ;-))

Velies ha detto...

e' questo il tuo consiglio professionale, gan?!? beh, certo, se mi volesse sarebbe fantastico!

Gan ha detto...

Vel, se non gli dici "Baciami, stupido!" come puoi sapere se ti vuole o no? E se non glielo dici, almeno fagli capire quanto ti piacerebbe. Sei un ragazzo gentile, simpatico, piacevolissimo, di intelligenza e di sensibilità non comuni ( e secondo me pure fregno) : sono sicuro che troveresti il modo e le parole giuste. E sono altrettanto sicuro che se lui non accettasse le tue attenzioni, non ti stimerebbe di meno, per questo.

gay jerker ha detto...

Ciao Velies!

Bèh, in effetti meglio provarci, con delicatezza, s'intende, che restare col rimpianto!!
O almeno sondare 1po' più a fondo le possibilità!!
Magari non aspetta altro anche lui, ma non si muove perché non ha capito bene che cosa pensi di lui; o perché è più giovane, è 1po' intimidito e pensa che spetti a te l'onore/onere della prima mossa!

Dàààiii!!!

Coraggio!!

1grosso bacio!!

gj