sabato 20 ottobre 2007

Uno in più

Da poche ore noi violenti contro natura siamo numericamente aumentati di un'unità.

"J.K. Rowling ha rivelato che il mago Albus Silente, il direttore della scuola di Hogwarts, e' gay. Intervenendo alla Carnegie Hall, nel suo primo tour statunitense in sette anni, la Rowling ha confermato quel che alcuni fan avevano sempre sospettato. La popolare scrittrice britannica ha rivelato che Silente si era innamorato dell'affascinante mago Grindelwald, uno dei personaggi minori della fortunata saga; ma che quando l'oscuro mago si diede alla magia nera, Silente ne rimase cosi' "fortemente deluso" da decidere di distruggere il rivale. Quell'amore, ha aggiunto, fu per Silente "una vera tragedia": "innamorarsi in un certo senso ci rende ciechi". (fonte >>) Adesso qualche coglione dirà che è un tentativo da parte della Rowling di sdoganare l'omosessualità o di propagandarla ai danni dei ragazzini.

11 commenti:

Anonimo ha detto...

In attesa che i coglioni di cui parli inizino a dar aria ai denti, sono contento che la Rowling abbia connotato come gay un personaggio positivo, benefico e carismatico come Silente! Anche perchè ricordo quando un noto uomo politico italiano, pochi anni fa, disse che i gay non dovrebbero e non potrebbero occuparsi dell'educazione dei giovani.
Fortuna che ad Hogwarts la pensano diversamente!

Gan

Velies ha detto...

Anche a me è sembrata una cosa molto molto positiva che un personaggio di una serie tanto amata sia stato "concepito" come omosessuale dall'autrice. MI è piaciuto in particolare il modo "tranquillo" in cui la Rowling l'ha annunciato, senza tanti giri di parole. pare che abbia anche aggiunto, ad aver saputo che vi faceva così piacere l'avrei detto prima.

Sulla cosa dei politici omofobi resto sempre molto perplesso. Per uno che si pronuncia (a sproposito, intendiamoci) ce ne sono tanti altri che tacciono per non inimicarsi nessuno ma che la pensano esattamente nello stesso modo (quindi sono anche più ipocriti)

Anonimo ha detto...

Anche a costo di sembrare un reazionario vorrei permettermi di dire una cosa: NON SONO D'ACCORDO CON QUESTA SCELTA.

L'omosessualità è una cosa piuttosto delicata, e non so se sbandierarla, anche se si tratta di un personaggio fittizio come quello di Silente, sia una cosa giusta, considerando che la saga è rivolta prevalentemente a un pubblico giovanile e non so quanti possano capire certe cose.

Io ci penserei due volte prima di fare queste cose.

Guido.

Velies ha detto...

qui non si tratta affatto di sbandierare l'omosessualità (altrimenti dovremmo concludere che le fiabe tradizionali "sbandierano" l'eterosessualità), ma semplicemente di fare in modo che i ragazzini METTANO IN CONTO che certe cose esistono. Questo, io credo, al momento non accade, il che non è affatto un bene. Se la "rivelazione" di Silente serve a fare in modo che gli adolescenti facciano domande ai genitori su un argomento che a tutt'oggi è TABU', ebbene, ben venga. Se poi i genitori hanno o no la preparazione sufficiente per trattare certi argomenti questo è altro affare, ma almeno un punto di partenza vale un altro.

Anonimo ha detto...

Guido,
io credo che sia molto meno inquietante per un pubblico giovane un accenno tranquillo all'orientamento di un personaggio di fantasia carico di connotati positivi, che non certe figure grevi, pecorecce e caricaturali proposte a tutto spiano dai media.
Tempo fa salvai un adolescente dalla depressione: si era scoperto gay, e non avendone parlato con nessuno si vedeva condannato a diventare come Platinette o come Malgioglio, le uniche tipologia di gay di cui era venuto fino ad allora a conoscenza. La cosa lo terrorizzava al punto da meditare il suicidio. Sono casi molto più frequenti di quanto non si creda, e ben vengano figure positive e rassicuranti che possano servire da riferimento in queste fasi così delicate della crescita!

Gan

Anonimo ha detto...

Che poi la Rowling non ha fatto certo una forzatura, anzi ! In molte culture la magia buona e salvifica è strettamente connessa all'omosessualità, ad esempio nello shamanesimo dei popoli eurasiatici e dei nativi nordamericani.

Gan

Anonimo ha detto...

"Adesso qualche coglione dirà che è un tentativo da parte della Rowling di sdoganare l'omosessualità o di propagandarla ai danni dei ragazzini"
...l'han già fatto. Eccome.
Perchè dovevamo anche meravigliarci??

Velies ha detto...

No. Mi sarei stupito del contrario.
Se ci fate caso, per certe persone è più concepibile che in un mondo di fantasia esistano i MANGIATORI DI MORTE piuttosto che gli omosessuali

Anonimo ha detto...

Se è per questo nn è minimamente scandaloso che la Gregoraci abbia sbattuto la bignola in faccia a tutti in piena domenica pomeriggio andando in giro con la fregna all'aria. Dei "poveri" bambini nessuno se n'è giustamente preoccupato, ma se solo si fosse pronunciata la parola omosessuale le vecchie in studio si sarebbero stracciate le vesti e le care mamme italiche avrebbero incenerito il televisore, perché i bambini nn devono ascoltare queste perversioni. Invece la Gregoraci si che è un buon esempio.

Velies ha detto...

concordo in pieno.

DaX ha detto...

Ora mi spiego come mai, verso la fine del film in cui apparve la fenice, Harry Potter disse a Silente: "professore ... signore ... ecco io... Non ho potuto fare nulla... L'uccello ha... L'uccello ha preso fuoco!"
E Silente, serafico, risponde "Ehhh... Era proprio ora."