lunedì 22 ottobre 2007

Bellezza senza tempo

Paul Vonderlin posò davanti all'obiettivo del fotografo Norbert Jobst per questi scatti che fanno parte di un "famoso" servizio fotografico di nudo integrale uscito sul numero di novembre 1977 di Playgirl.

Queste foto, per atmosfera e canoni di bellezza, sembrano state scattate ieri e non trent'anni fa. Una bellezza davvero senza tempo (clic >>).

Paul ha oggi quasi sessant'anni e fortunatamente di lui non si trovano foto recenti: difficilmente reggerebbero il confronto.

17 commenti:

Anonimo ha detto...

Chissà, magari invece è di quelli che come il vino migliorano invecchiando!

Anonimo ha detto...

Oooops, il commento era mio!

Gan

Velies ha detto...

Migliorato come il vino? Non scherziamo! Quanti uomini conosci che sono migliorati invecchiando?!?!
:(

Anonimo ha detto...

Bè, io, per esempio! ;-) Non è uno scherzo, a detta di tutti quelli che mi conoscono sono molto meglio adesso rispetto a 10 anni fa. E credo che la casistica sia piuttosto vasta: per una sorta di contrappasso divino molti che sono belloni a 20/30 anni si disfano irrimediabilmente con l'avanzare dell'età; molti insignificanti bruttini da giovani diventano principi azzurri dopo i 40.
Per dire, hai visto le foto di Clooney 20enne?

Anonimo ha detto...

Se, vabbè, dimentico sempre di firmare.

Gan

Velies ha detto...

Sarò anche una mosca bianca, ma a me george clooney non è mai piaciuto :|

Anonimo ha detto...

Si ok, i gusti non si discutono, ma obbiettivamente George è meglio adesso che non a vent'anni. E' uno di quelli che è migliorato col tempo, invece di peggiorare.

Gan

Anonimo ha detto...

che cosa orribile da dire... allora perché uno ha perso al bellezza dei trent'anni dovrebbe nascondersi? "Fortunatamente" ci sono sessantenni che fanno ben altro che mostrare i muscoli... i soliti gay, nn pensnao altro che all'esteriorità. Vuoti spinti

Velies ha detto...

Dove hai letto che i sessantenni dovrebbero nascondersi, scusa?!?! Io non l'ho scritto! Ho detto una cosa ben diversa, e cioè che, fisicamente parlando, non credo che il confronto tra il paul attuale e quello under30 sia proponibile, il che non è la stssa cosa che dire "non farti vedere". Senza polemica, ma visto che ci accusi di superficialità, dimostrati migliore di noi e leggi meglio la prossima volta!!!
:)

Anonimo ha detto...

"Paul ha oggi quasi sessant'anni e FORTUNATAMENTE di lui non si trovano foto recenti", nn voglio far polemica, ma la frase mi sembra chiara. Possiamo rigirare la frittata, ma se dici che "fortunatamente" è scomparso nn credo intendevi dire una cosa tanto lontana da quello che ho capito (e che sembrerebbe chiaro).
Non esiste solo l'estetica, forse oggi è un uomo umanamente 100 volte migliore di quello delle foto.
Sono anche d'accordo con chi ha scritto che molte persone migliorano con l'età, nn è per niente una cosa rara, ma so che il mito della giovinezza è duro a morire in certi ambienti. Ricordo tanto per es. che Rupert Everett non se lo fila più nessuno come lui stsso ha dichiarato e viene schifato dal mondo gay....e nn mi sembra sia un mostro. A volte penso che i gay credano che le persone abbiano una data di scadenza. Su questo vorrei vedere come tu possa darmi torto!

Anonimo ha detto...

anonimo, a volte si scrive senza riflettere sulle conseguenze. In linea di massima quanto dici nell'ultimo commento è vero, ma credo sia ingiusto addebitarlo a Velies.
Il suo blog l'ho scoperto da poco, ma l'ho vivisezionato al punto da poter essere certo che una critica come quella che gli muovi va limitata alla sola frase che riporti, non certo estesa al suo modo di pensare.


Gan

Anonimo ha detto...

Purtroppo l'estetica comune oggi è pesantemente influenzata da un modello artificioso e innaturale costruito dalle TV e dalla moda, dal "velinismo", dal "defilippismo", dal "dolceegabbanismo": un modello generale e diffuso, intercambiabile per il mondo gay e per quello etero.
Sono venuto più volte in contatto con crisi depressive spaventose vissute da trentenni o quarantenni che si sentivano finiti dopo aver scoperto i primi capelli bianchi, le prime rughe, i primi cedimenti del fisico. E questo è terribile. Ancor più se si considera che nella vita vera l'età non è certo in grado di impedire storie belle ed appaganti, come anche, perchè no, sani e soddisfacenti divertimenti fisici.

Gan

Velies ha detto...

Intervengo per una piccola chiosa che faccio per precisione e non perchè ritengo in qualche modo di essere "sotto esame" o di avere bisogno di "difendermi" da qualche contestazione. Non posso e non voglio far cambiare idea alle persone, neanche a quelle che si sono fatte una opinione anche sbagliata su di me, semplicemnte perchè non è in questo che consiste il gioco del blog.

Sono ancora convinto che il fatto che non si trovino foto attuali del sig. Vonderlin sia un bene. Non certo perchè io pensi che un uomo adulto non possa essere attraente o che le persone abbiano una data di scadenza (ed infatti mi sono guardato bene dal dire l'una cosa o l'altra), ma perchè mettere fianco a fianco le due immagini, come è stato fatto, per esempio, con quelle di George Michael, sarebbe un gioco crudele ed insensato.

Paul non è e non può essere la stessa persona che era a vent'anni, esattamente come non lo è nessuno di noi (non siamo la persona che eravamo IERI, figuriamoci vent'anni fa!!!): certamente ha acquisito altre qualità intellettuali e morali che probabilmente lo rendono anche più attraente, ma è indiscutibile che l'aspetto fisico sia cambiato. Che senso avrebbe dire "guarda che cesso che è adesso?!" (che sia un cesso è tutto da dimostrare, ovviamente).

Quanto alla contestazione che sembra di poter desumere da quanto ha scritto la persona che ha ritenuto di non firmarsi, e cioè che i gay siano superficiali, non so dirlo. Io faccio testo solo per me stesso, e neanche sempre. Non mi pare però che gli etero siano migliori in questo, semplicemente perchè TUTTI TUTTI siamo esposti a certi canoni estetici e se ci dicessimo insensibili, probabilmente diremmo una cosa inesatta.

kin ha detto...

potrei aggiungere una cosa che sembra sfuggire? Mi sembra un problema che ci creiamo noi, non tutti sono ossesionati dal corpo. Probabilmente al Sign. Paul non gliene frega niente di non essere più quello di quando aveva 20 anni...

Velies ha detto...

è fortemente probabile, kin!

loran ha detto...

Ragazzi ci vuole un pò di leggerezza gaya!:-))

Sicuramente una certe estetica è condizionata dai modelli proposti da giornali e televisone, però è indubbio che uno è meglio a 20 anni che a 60.
Un esempio: l'attore Richard Harris, che interpreta Albus Silente nei primi film di Harry Potter, negli anni 70 era un tipo bello e sexy, cosa che non si può certo dire nelle sue ultime apparizioni.

Anonimo ha detto...

Ok per la leggerezza gaya.
Allora dico che Richard Harris da giovane era bello come un ornitorinco e sexy come un carciofo! :-P

Gan