mercoledì 12 ottobre 2005

Ridatece i bovari

Ho sfogliato qualche pagina del raccontino -ino -ino (sono solo poche pagine) dal quale è tratto il famigerato Brokeback Mountain, film vincitore a Venezia e di prossima uscita nelle sale. Mi ha stuzzicato, e non poco ;) ma non credo che riuscirò a trascinarci i miei amici regolari: vorrà dire che aspetterò il DVD.

Sembra comunque che di rado un film vincitore di un concorso abbia ricevuto così poca considerazione.

Pare anzi che qualcuno l'abbia presa piuttosto male. Dove sono i bovari virili e nerboruti? Perchè questi due dovrebbero sco*arsi tra di loro?

Toscana oggi, settimanale regionale di informazione cattolica, pare abbia così commentato: "E adesso? Adesso ci rimangono gli agenti segreti. Uno 007 che in Dalla Russia con amore finisce tra le braccia di un colonnello baffuto del Kgb sarebbe duro da digerire e – pure Ang Lee dovrà convenire – altrettanto duro da rappresentare con credibilità. Ma vedrete che succederà. E a quel punto la grande marmellata trionferà. Non saremo più eterosessuali, omosessuali, bisessuali. Non saremo più nessuno"

Hanno ragione loro, naturalmente. Rassegnatevi, noi culattoni siamo dappertutto e ci impadroniremo del vostro mondo. La resistenza è inutile.

Nessun commento: