lunedì 31 ottobre 2005

Critica cinematografica: l'interprete


Ammetto che in principio ero molto diffidente su The Interpreter, con la sig.ra Kidman che resta effettivamente bellissima e bravissima.

Poi mi sono ricreduto: pur non essendo un capolavoro, il film è piacevole, più incentrato su una discreta storia che su esplosioni o rocamboleschi effetti speciali. Sono anche riuscito a seguire la vicenda, cosa che di solito non mi succede in questi film, quindi mi è andata bene.

Semplice la trama: Nicole Kidman, interprete dell'Onu viene, suo malgrado, a conoscenza di un piano segreto per uccidere un dittatore africano, MBUTU NKONO :), il quale cerca poi di scampare alla trappola disseminando Internet di appelli volti ad ottenere la collaborazione di qualcuno per lo sblocco di ingenti somme di denaro depositate in Svizzera...

Scherzo, naturalmente: il piano per uccidere il dittatore c'è davvero, il resto dovete vederlo al cinema. Probabilmente vi divertirete come è successo a me.

Giudizio complessivo: OOOOO cioè quattro palle su cinque. Non mi intendo di cinema, ma so quando mi diverto, e ieri è stata una di quelle volte.
Grado di frociaggine: OOOOO, cioè due palle su cinque. C'è la possibilità che vi piaccia la Kidman (anche solo per invidia);non è male nemmeno Sean Penn che, dopo essere stato sposato con Madonna è abituato alle disgrazie, e infatti interpreta sempre ruoli da sfigato plurivedovo con pochi mesi di vita...

Nessun commento: